Cerca

La bellissima che ha sedotto Chiambretti con un click

Catrinel Marlon, la fotografa del "Sunday Show" di Pierino: "Voglio diventare attrice, adesso devo parlare..."

La bellissima che ha sedotto Chiambretti con un click

Finora gli ospiti del Chiambretti Sunday Show, il nuovo varietà condotto da Piero Chiambretti la domenica in prima serata su Italia 1, hanno catalizzato l’attenzione mediatica: grandi nomi del cinema e del jet set internazionale, come l’attore Peter Dinklage e la top model Bar Rafaeli. Per la prossima puntata, è già stato annunciato il nome di Tamara Ecclestone, la bellissima ereditiera (figlia del patròn della Formula1 Bernie), che racconterà perché è stata esclusa dal Festival di Sanremo. Interverranno, inoltre, le tre attiviste ucraine dell’associazione “Femen”, arrestate al World Economic Forum di Davos per aver manifestato in topless in difesa dei Paesi poveri.

Eppure, al di là dei grandi nomi,  è un personaggio nuovo a incuriosire il pubblico a casa. Nella prima puntata, è apparsa in pantaloni di pelle nera superaderenti e maglia trasparente di pizzo: sguardo penetrante, falcata da supermodella e macchina fotografica appesa al collo. Si chiama Catrinel Marlon, ma già tutti la conoscono come la sexy fotografa di Chiambretti.  In realtà, il suo è un volto nuovo solo per l’Italia: Catrinel è una modella rumena, ma gira il mondo da quando ha iniziato a lavorare, a 16 anni. Ha all’attivo le copertine di Elle, Sports Illustrated, e il calendario “Peroni”. Negli Stati Uniti è testimonial di numerose campagne pubblicitarie. Non a caso, all’interno del Chiambretti Sunday Show ricopre il ruolo di fotografa.
Catrinel, lei svolge davvero quest’attività, non è così?
«Diciamo che è il mio grande hobby, da 5 anni. Ho avuto la fortuna di diventare assistente di un maestro come Aldo Falai dopo essere stata esclusa da un concorso. Avevo fatto uno scatto meraviglioso alle mani di un contadino della mia terra, in Romania, ma non l’avevo consegnato in tempo per gareggiare. Così, ho deciso di continuare a fare ritratti nella campagna rumena e di proporli ai fotografi che conosco da sempre come modella. È così che ho iniziato».
E invece alla televisione qua in Italia com’è arrivata?
«Io abito tra la mia città in Romania e New York: di solito, sono in Italia 4 mesi l’anno, ma desidero da sempre passarvi più tempo. Parlo la lingua abbastanza bene, mi sento come a casa; inoltre, parte della mia famiglia vive ad Asti. Ho pensato che la tv fosse il modo migliore per lavorare in questo Paese, perché c’è più spazio. La proposta di Chiambretti per me è stata come  fare bingo: insomma, si tratta di una prima serata. E poi Piero è un mito: adoro lavorare con lui e la sua squadra. In fondo, io non avevo esperienza in tv: nella prima puntata ho fatto un ingresso solo, poi due, nella prossima tre… Insomma, alla fine Piero potrebbe addirittura darmi un microfono. Spero tanto di essere all’altezza».
Chi le è piaciuto fotografare finora al Chiambretti Sunday Show?
«I personaggi non sono ancora molti. Sono stata felice di rivedere Bar Rafaeli: abbiamo lavorato insieme qualche volta a New York, ma quando l’ho rivista in studio non ho neanche avuto il tempo di salutarla, o chiederle se si ricordasse di me. Sono ansiosa di incontrare Tamara Ecclestone, perché mi dicono sia un personaggio molto forte. Ma credo di aver scattato le foto più belle a Peter Dinklage: lui ha un viso meraviglioso; io c’ero quando è stato premiato ai Golden Globe».
Modella, fotografa e soubrette in tv. Come si vede nel suo futuro?
«Sono una persona molto curiosa, rischio di fare troppe cose insieme e di non portarne nemmeno una a termine. Ma il mio sogno è diventare una brava attrice: studio da anni recitazione e Luigi Lo Cascio mi ha voluta come protagonista per il suo primo film alla regia. Speriamo bene!».

di Giovanni Luca Montanino

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    02 Febbraio 2012 - 22:10

    senz'altro. Certo col culo scoperto le qualita' artistiche e professionali si vedono meglio. Apputo. Ma vediamo di non raccontare stupidaggini , qualita' professionali si si.. va che parli come mangia. Donne cosi' che si credono di essere li per le qualita' professionali. mi ci viene da ridere.

    Report

    Rispondi

blog