Cerca

La Rai contro Celentano ma ora rischia la Lei

Festival, bufera dopo il delirio del Molleggiato. Rabbia Cei e Avvenire, la Rai commissaria la kermesse, Garimberti e dg si dissociano, ma Lorenza trema

La Rai contro Celentano ma ora rischia la Lei

Adriano Celentano avrà il suo bis a Sanremo. E' la nuova puntata della commedia, anzi della farsa orchestrata dalla Rai sul palco dell'Ariston. Prima l'ora di telepredicozzi del Molleggiato nella serata inaugurale del Festival, lunedì sera. Quindi le polemiche infinite per i contenuti del suo sgangherato sermone. Le minacce di commissariamento di viale Mazzini sulla kermesse che di canoro, finora, ha avuto ben poco. E infine le indiscrezioni, dopo le altre voci e le smentite, che vogliono Adriano di nuovo in tv: è ancora mistero in quale serata, ma tornerà. Celentano potrebbe calcare nuovamente il palco dell'Ariston già stasera, mercoledì 15 febbraio, o in una delle successive serate. Salgono le quotazioni per la finalissima di sabato, anche se tutto potrebbe ancora accadere. Anche ai vertici di viale Mazzini. Il dg Lorenza Lei avrebbe infatti perso il sostegno del Vaticano, decisivo a suo tempo nella sua nomina al posto del berlusconiano Masi.

Il delirio di Celentano: guarda il video su LiberoTv


Show grottesco - Ieri sera Sanremo non era ostaggio della Guardia di Finanza, ma del Molleggiato, protagonista di un'occupazione psuedo-militare della televisione di Stato (a cominciare dalla scenografia di guerra che ha introdotto la sua performance. Celentano ha parlato per un'ora, ha avuto carta bianca, senza interruzioni pubblicitarie. Il risultato: spacconate e porcherie. Il cantante, oltre all'inglese disastroso esibito negli intermezzi canori, si è distinto per aver attaccato Chiesa, giornali cattolici ("Avvenire e Famiglia Cristiana dovrebbero chiudere"), Monti, i giudici, la Consulta. Ma le bombe che ha sganciato sull'Italia cattolica hanno sollevato una vera e propria rivolta. Per prima la consueguenza più macroscopica: il direttore generale della Rai ha di fatto commissariato il Festival, chiamando Antonio Marano a coordinare il Festival. Anche il direttore di Rai1, Mauro Mazza, ha preso le distanza dal Molleggiato: "La chiusura di un qualsiasi giornale non si invoca mai, sono cose brutte e ad ascoltarle si avvertono i brividi lungo la schiena". Mazza, dopo il monologo di martedì sera, aveva applaudito tiepidamente Celentano ed è stato tra i pochi a non alzarsi in piedi all'Ariston. Durissime anche le reazioni del mondo cattolico e dei quotidiani attaccati dal cantante.

 



Festival commissariato -
Si è appreso che i vertici della Rai hanno iniziato riunioni e contatti informali sulla situazione della kermesse di Sanremo. Il direttore generale della televisione pubblica, Lorenza Lei, dopo aver ascoltato sia il presidente Paolo Garimberti sia i consiglieri di amministrazione di viale Mazzini, ha deciso "di fronte alla situazione che si è venuta a creare" di inviare a Sanremo il vicedirettore generale responsabile per l'offerta radiotelevisiva, Antonio Marano. Il compito di Marano sarà quello di coordinare "con potere di intervento" il lavoro dell'intera manifestazione canora.

La Rai si dissocia - I vertici della Rai nel corso della giornata si sono dissociati dallo show di Celentano. Il dg Lorenza Lei ha chiamato il direttore di Famiglia Cristiana, Don Sciortino, per scusarsi di quanto detto dal Molleggiato. Lo ha rivelato lo stesso Don Sciortino al programma radiofonico Un giorno da pecora. "La Lei ha detto che quanto era avvenuto era grave, e che chiedeva a scusa a nome della Rai", ha spiegato Don Sciortino. Quindi il presidente di Viale Mazzini, Paolo Garimberti, durissimo contro il Molleggiato: "La libertà è sacra ed è sacra anche quella di Adriano Celentano. La libertà però deve essere esercitata - dice il presidente Rai - con responsabilità e rispetto. Perchè altrimenti non è libertà, è qualcosa di profondamente diverso che rende persino le provocazioni insopportabili". Garimberti definisce altrettanto "intollerabile insultare qualcuno che non può rispondere" e "non si possono poi denigrare istituzioni come la Corte Costituzionale, stravolgendo il senso del suo operato: citare parzialmente l’articolo uno della Carta affermando che la 'sovranità appartiene al popolò senza completarlo aggiungendo 'che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzionè è un’operazione di disinformazione da cui la Rai, che è Servizio Pubblico, non può che dissociarsi".

Cei: "Celentano un ignorante" - Secondo il Sir, l'agenzia stampa della Cei, "quando l'ignoranza prende il microfono per diffondere il suo messaggio è doveroso replicare, seppur con serenità e rispetto delle persone, per amore della verità. Ieri sera, in apertura del Festival di Sanremo, i giudizi di Adriano Celentano su due testate cattoliche nazionali da lui accusate di ipocrisia, di parlare di politica e non di Dio, sono stati la prova di un vuoto che è anche dentro di lui". Quindi le parole di Marco Tarquinio, direttore di Avvenire: "Se l’è presa con i preti e con i frati (tutti tranne uno) 'che non parlano del Paradiso. E se l’è presa con Avvenire e Famiglia Cristiana 'che vanno chiusi'. Tutto questo, perché abbiamo scritto che con quel che costa lui alla Rai per una serata si potevano non chiudere le sedi giornalistiche Rai nel Sud del mondo (in Africa, in Asia, in Sud America) e farle funzionare per un anno intero. Dunque, andiamo chiusi anche noi. Buona idea: così a tutti questi poveracci, tramite il Comune competente, potrà elargire le sue prossime briciole di cachet. Davvero un bello spettacolo. Bravo. Viva Sanremo e viva la Rai. P.S. Naturalmente, caro Celentano, continueremo a parlare e far parlare di Dio, degli uomini e delle donne di questo mondo. Soprattutto di quelli che in tv non ci vanno mai, neanche gratis".


Famiglia Cristiana: "Attivista dell'ipocrisia" - Pesantissima anche la replica di Famiglia Cristiana: "Adriano Celentano è solo un piccolo attivista dell’ipocrisia, un finto esegeta della morale cristiana che sfrutta la tv per esercitare le sue vendette private". Questa la replica al Molleggiato che "con l'avallo della Rai, pontifica su preti e frati che non sanno parlare alla gente, insulta il nostro giornale e quello della Cei che neanche si occuperebbero di fede e religione, tratta Grasso da deficiente". Ma poi chiude il suo ragionamento con un’apertura inattesa: "Celentano vuole parlare di fede? Venga pure a parlarne anche su Famigliacristiana.it e su Famiglia Cristiana".  Il settimanale dei paolini tiene a ricordare quanto scritto in precedenza contro l’ingaggio offerto dalla Rai all’artista e osserva che "più o meno lo stesso hanno scritto Avvenire e sul Corriere, caricando la dose, quello che è il maggior critico televisivo in Italia, Aldo Grasso". Ma "il lato incredibile della vicenda - spiega la nota - è che la Rai butti l'equivalente di un miliardo e mezzo delle vecchie lire, che Celentano sia autorizzato a spargere velenose menzogne, che un repertorio da agit-prop venga contrabbandato come lezione magistrale. Povera Rai, una volta di più, con quella prima fila di papaveri che alla fine del vaniloquio si alzano in piedi per applaudire, invece di tirare ortaggi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • berly1

    16 Febbraio 2012 - 00:12

    Ho scritto una mia opinione non offensiva nei confronti della chiesa e a favore di Celentano, con sorpresa mi sono accorto che non avete pubblicato. Forse perchè non allineata alla vostra idea??? Io ogni giorno leggo, o meglio leggevo libero, da oggi non vi seguirò più Siete gente imparziale e ipocrita e vi chiamate pure " libero" Addio Claudio Sala

    Report

    Rispondi

  • sorpasso

    15 Febbraio 2012 - 23:11

    Celentano non l'ho mai sopportato nè come cantante nè come attore ma la colpa della sua presenza al Festival è certamente di Mazza, Mazzi e di Morandi. Ovviamente lo conoscevano e gli hanno dato carta bianca. Ora è tardi a prendere provvedimenti, una cosa giusta è quella di lasciare il Festival 2013 in mano ad altre persone più capaci e più valide.

    Report

    Rispondi

  • curcal

    15 Febbraio 2012 - 22:10

    se vuol fare il predicatore, vada nelle piazze, vada nei suoi amici a farsi intervista re, vada dove cavolo vuole. Prenda esempio da Grillo. Ma quel che è peggio che co stui è pagato con i soldi estorti agli italiani con il canone(quando verrà abolito!). Dopo una simile pagliacciata, i responsabili Rai dovrebbero dimettersi, altro che audience.

    Report

    Rispondi

  • Braccio da Montone

    15 Febbraio 2012 - 22:10

    *** Addì 36 Aprile 2126. (Lezione di Storia ne l'Asilo "Wanna Marki"). Dalla "Cattedra" (un Robot) insegna agli enfants le loro origini. "All'inizio del terzo millennio, preistoria di una nuova Civiltà, il potere materiale in sintonia con il Potere Mentale (Religioni tutte) tentarono di tutto per poter conservare il loro potere. Ridussero il Popolo confuso ad accettare ladri, pervertiti, terroristi, magistrati etc in Parlamento ed al Senato. La Cultura fu seppellita. Diedero un Oscar addirittura ad un burattinaio. Fino ad usare un ex cantante Adriano Celentano Pugliese di origine, detto il Re degli Ignoranti per addormentare i nonni dei vostri nonni ed i loro nonni". Fine!*

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog