Cerca

La D'Amico si pente:

«Un errore invitare Grillo»

La D'Amico si pente:
 «Sono molto rammaricata e desidero scusarmi con tutti gli spettatori, con La7, con l'Editore Telecom Italia Media, con le tutte persone citate e con gli ospiti in studio in relazione a quanto accaduto mercoledì sera in diretta con il comico Beppe Grillo nella trasmissione Exit». Ilaria D'Amico è a dir poco pentita. Così la conduttrice commenta la performance di Beppe Grillo, da lei stessa invitato alla trasmissione "Exit" in onda su La7, dopo che il comico genovese, prima di abbandonare lo studio con fare polemico, aveva sfoderato un monologo nel quale ha attaccato tutto e tutti tralasciando il tema della puntata per cui era stato chiamato: la privatizzazione dell'acqua. La giornalista è molto amareggiata: «La sua assenza dal collegamento prima, il suo repentino abbandono poi, hanno infatti impedito a me qualsiasi interazione e a tutti gli ospiti eventuali repliche. Avevo creduto di poter riportare dopo tanto tempo le posizioni di Grillo all'interno di un confronto televisivo corretto dedicato a tutti i telespettatori, anche a quelli che normalmente non amano la piazza. Evidentemente - conclude la D'Amico - mi sbagliavo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vidya

    04 Aprile 2009 - 13:01

    La D'Amico è giovane e ha poca esperienza, quindi si può capire che commetta degli errori. A suo favore va il pentimento che ha espresso, ed è una lezione che ricorderà. Grillo se ne infischia di quello che dice: a lui interessa farsi i miliardi e quando viene invitato a un contradditorio scompare e non lo si vede più per un po'. Tutto normale, chi lo conosce da anni non se ne stupisce.

    Report

    Rispondi

  • italoitaly

    03 Aprile 2009 - 11:11

    Lacrime di coccodrillo.

    Report

    Rispondi

  • enricosecondo

    03 Aprile 2009 - 10:10

    Quanti politici sono venuti in tv a pentirsi di aver ridotto il Paese con il terzo debito pubblico del mondo? Quanti politici si vergognano in tv dei vergognosi privilegi di cui godono, pagati dai contribuenti? Quanti banchieri sono venuti in tv a pentirsi di aver propinato, sapendolo, schifezze finanziarie ai clienti? Quanti presidenti di Enti inutili si sono venuti a pentire degli stipendi che prendono per non fare nulla? Vengono a pentirsi i presidenti delle società di gas e elettricità che hanno raddoppoiato il prezzo di gas e petrolio, mentre adesso lo riducono di poco?

    Report

    Rispondi

blog