Cerca

E' il Festival del buco: rosso di quattro milioni

Sanremo è costato circa 18 milioni. Con la pubblicità ne sono entrati 15, ma Celentano ne ha fatti perdere altri 700mila. Gran bell'affare per la Rai

E' il Festival del buco: rosso di quattro milioni

Comunque sia andata ieri sera, il Festival di Sanremo è stato un insuccesso. Le cinque serate provocheranno alla Rai un buco economico di circa 4 milioni di euro, che come sempre dovrà essere pagato dalle tasche dei contribuenti italiani. Perché l’evento più celebrato della Rai, quello che viene messo come fiore all’occhiello perché fa impennare gli share, anche in questo 2012 è in perdita secca. Contrariamente a quel che molti pensano, non è per nulla un affare. Per un motivo molto semplice: costa troppo.

La prima ipotesi portata in consiglio di amministrazione prevedeva spese da 20 milioni di euro circa. Con qualche sforbiciata il costo è stato ridotto a qualcosa più di 18 milioni di euro: ribassato il costo della convenzione con il Comune di Sanremo, ridotte le spese per la classica invasione in loco di dirigenti Rai e dei loro cari. Gli incassi totali lordi sono stati però di 16 milioni di euro, che diventano meno di 15 milioni al netto delle commissioni. Lo sbilancio sarebbe dunque superiore ai 3 milioni di euro. A questo si aggiunge l’incidente capitato la prima serata dominata dall’esibizione di Adriano Celentano: si è perso un treno di spot all’ora concordata, e secondo le prime stime si è provocato un danno da circa 700 mila euro. Il buco del Festival grazie a questo incidente ammonterebbe dunque a 4 milioni di euro. Ed è proprio tutta colpa delle spese faraoniche sostenute dall’azienda per i cachet pagati non a quelli che dovrebbero essere i protagonisti (i cantanti), ma a conduttori, assistenti ed ospiti della trasmissione. Celentano è apparso due serate e da contratto avrà 700 mila euro dalla Rai. Adriano ha assicurato che li darà in beneficenza un po’ ad Emergency un po’ ad indigenti suggeriti dai sindaci di 7 città italiane. Sono affari suoi. Il costo per l’azienda e quindi per i contribuenti poi chiamati a pagarne le perdite commerciali attraverso il canone, è immutato.

Sul fronte delle entrate - incidente a parte - non si poteva invece fare molto di più: l’evento Festival (quest’anno preparato con grande ritardo), è uno dei pochi che non pone problemi agli agenti della Sipra, concessionaria di pubblicità della Rai. Ogni spot a disposizione viene venduto molto tempo prima. Quest’anno la crisi si è fatta sentire, e quindi i prezzi si sono dovuti ribassare (senza vendite sottocosto, ma non molto in più). L’affollamento massimo concesso dalla legge (12% orario) era garantito prima ancora che la trasmissione andasse in onda. Il tetto pubblicitario ha creato problemi proprio per quel treno di post non andati in onda: non si è potuto riassorbire in altro orario o nelle serate successive, perché era già tutto pieno. Alle aziende così beffate verranno ovviamente offerti altri spazi a compensazione, ma non ci sarà modo di mitigare il danno economico ormai patito dalla Rai. E dai contribuenti, in questa edizione già beffati dalla stangata sul televoto. Senza tanti complimenti Rai e compagnie telefoniche hanno infatti stangato di circa 1 milione di euro i telespettatori che hanno votato i loro cantanti preferiti, aumentando di un terzo il costo di telefonate e sms portati fino alla cifra record di 1,1 euro a televoto (con il risultato grottesco che costa di meno acquistare la singola canzone on line che votarla).

Se l’evento più squisitamente commerciale della tv di Stato, quello che dovrebbe essere la gallina dalle uova d’oro, è in perdita, ben si capisce come sia amministrata la tv di Stato. Lorenza Lei come i top manager della Rai la risolvono nel modo più semplice possibile: il Festival di Sanremo può permettersi di perdere soldi perché è una trasmissione da servizio pubblico. Nell’allegato A del contratto di servizio che elenca gli obblighi della Rai a fronte del canone pagato dai cittadini c’è anche quello della promozione della musica classica e della musica leggera italiana. È evidente che se questo fosse il compito, a Sanremo dovremmo vedere solo canzonette e poco più. Non avrebbero senso i superospiti stranieri (che semmai fanno concorrenza alla musica leggera italiana), e tanto meno eventi super pagati che monopolizzano il Festival come il costosissimo e rovinoso Celentano show di questa edizione.

Siccome la Rai deve presentare per legge due bilanci separati, uno per le attività da servizio pubblico e uno per le attività pagate dal canone, si è resa conto che il terreno dopo l’edizione 2012 del Festival rischia di essere quanto mai scivoloso. Così l’azienda in extremis è corsa ai ripari, riportando direzione artistica e organizzazione del Festival all’interno dell’azienda, e affidandole a un manager di comprovata esperienza e di particolare sensibilità per il servizio pubblico come Giancarlo Leone. La macchina organizzativa del Festival 2013 si è già messa in moto, e punta a presentare con largo anticipo la prossima edizione già per la convention Sipra del giugno prossimo. Con una scelta obbligata: abbattere i costi e dimenticare Celentano.

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • neupaul

    20 Febbraio 2012 - 10:10

    Si è conclusa la 62° Kermessa di Sanremocontro! (Recensione di Aldo Grassacci) http://inpastoalsilvio.wordpress.com/2012/02/19/si-e-conclusa-la-62-kermessa-di-sanremocontro/

    Report

    Rispondi

  • alfonso righetti

    20 Febbraio 2012 - 00:12

    e ci fanno pure pagare il canone i miei poveri soldi

    Report

    Rispondi

  • Dalton Russell

    19 Febbraio 2012 - 22:10

    Un signore comperava uova a 30 lire ( bei tempi) l'una ma poi le rivendeva a 20 lire l'una. Un giorno, un suo amico che conosceva quanto le pagava, gli chiese:Scusa, ma dove è l'affare? E questi rispose: altrimenti dovrei starmene a spasso. Vedi caro Dieguzz, perchè chiedi all'oste se il suo vino è buono? Cosa pensi di sentirti rispondere? Forse anzi certamente, Bechis è molto più attendibile della tua "fonte".Ma a te, questo, non è dato sapere.Meglio così. Possibile che devi farti sempre riconoscere? Un bel tacer non fu mai scritto.Fanne tesoro. Eviti di avvalorare l'aforisma più famoso di Oscar Wilde.Lo conosci?NO! Te lo dico alla prossima puntata.Ad maiora.

    Report

    Rispondi

  • antonella1959

    19 Febbraio 2012 - 22:10

    Siamo alle solite, la gestione della Rai, e' un po' come la gestione dell'Italia, amministratori e dirigenti, strapagati, ma incapaci, spreco e incapacita' di fare i conti, poi gli italiani devono pagare i loro errori. E ora di finirla mandiamoli tutti a casa, e chi ricopre queste cariche deve essere pagato solo se fa il suo dovere, altrimenti a casa senza un centesimo. Allora si che cominciano stare attenti. Ma cosa importa tanto i soldi che spendono non sono i loro. Così anche per i politici, tutti a casa, fanno piu danni che utili.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog