Cerca

Le pagelle della Menzani Morandi voto dieci Bocciatissima la Rai

I voti di Alessandra Menzani al 62esimo festival di sanremo

Le pagelle della Menzani Morandi voto dieci Bocciatissima la Rai

Le pagelle di Alessandra Menzani al 62esimo Festival di Sanremo.

voto 10 Gianni Morandi. Sempre se stesso. Amichevole, un po’ marpione, istituzionale, stressato nei limiti. L’ha vissuta con divertimento, più di così non poteva fare. Ma ora è giusto cambiare.

voto 9/10
Belen. Ha fatto Belen, niente di più e niente di meno, e ha conquistato più prime pagine di Celentano. Ha fatto parlare di sè persino un ministro, figura che in teoria avrebbe cose più importanti di cui occuparsi. Come lo scorso anno, ha oscurato Elisabetta Canalis.  Peccato perché l’anno scorso aveva dimostrato di saper cantare e ballare, quest’anno ha dimostrato solo di aver un conturbante tatuaggio.

voto9 Rocco Papaleo. Ogni giorno  più in forma. Distaccato, ironico, conduceva come se fosse davanti a una platea di cinque amici.

voto 8/9
Il gobbo. Senza di lui tutti si sarebbero persi. Vallette, conduttori. L’hanno usato tutti. Persino i cantanti che non conoscono le loro canzoni a memoria.

voto 8
La cantante in gara che per tutto il Festival ha tenuto segreto il suo amore. Un amore dello stesso sesso. Lei era lì, ma nessuno se ne era accorto.

voto 7/8
La  Shibue Couture, l’azienda californiana che produce slip simi.
voto 6 Pupo.  A parte il teatrino con Celentano, incomprensibile, ha fatto la massima promozione di se stesso e del suo romanzo. In ogni intervista tv, da Sly Sport a quelle con Marzullo, diceva sempre: «Nel mio libro, che casualmente ho in mano…». E infatti ha fatto il botto di vendite.

voto 5 La musica, purtroppo. I cantanti hanno detto più volte che di essere stati un contorno a Celentano. Lui era il Festival, loro il Dopofestival.

voto 4 Loredana Bertè. La nostra più grande delusione. Speravamo in qualche follia, invece si è presentata con labbra a canotto e ha cantato in playback.

voto 3 Ivana/Ivanka Bella come altre mille, la sua presenza è stata incomprensibile. Era la classica valletta “baudiana” di cui pensavamo ci fossimo liberati. E non era nemmeno in salute: un torcicollo così debilitante a 19 anni non si era mai visto. L’ultima sera, per avere qualche attenzione, si è presentata praticamente nuda. Ricordate Federica Felini, la valletta del primo Festival di Bonolis? No. Appunto, finirà così.

voto 2 Le tinte: da Gianni Morandi a Lucio Dalla. L’unico con i capelli naturali è stato Josè Feliciano.

voto 1 Gli slinguazzamenti che hanno aperto l’ultima puntata di Sanremo sulle note di All you need is love.

voto 0
La Rai. Perennemente nel pallone. Su Celentano i vertici non hanno mai detto chiaramente se l’appoggiavano o se si dissociavano. Mai una posizione netta. Allora era meglio Fabrizio Del Noce che si «autosospese»  ai tempi di Rockpolitik. Se chiami un personaggio del genere, poi devi avere gli attributi per reggere l’urto.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • amenzani

    21 Febbraio 2012 - 17:05

    Confermo il 10 a Morandi. Che poteva fare di più? Ovviamente preferisco altri (Bonolis su tutti) ma ditemi voi un personaggio adatto a condurre Sanremo. Largo alla fantasia. A.Men.

    Report

    Rispondi

  • tony buatta

    19 Febbraio 2012 - 18:06

    la RAI dopo le ultime dimostrazioni di incapacità nel gestire programmi visti con attenzione all'estero deve dar prova di orgoglio dimissionando un consiglio di amministrazione, casta nella casta, incapace di presentare un'Italia valida all'estero... cachet milionari... spettacoli beceri... da baraccone. Meno soldoni ai soliti noti e meno spettacoli con i soliti idioti!

    Report

    Rispondi

  • toscano05

    19 Febbraio 2012 - 17:05

    Ma cosa si deve commentare ???? e tutto da buttare commentasre ancora e tempo perso ma che lo ha organizzato degli inesperti delmestiere

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    19 Febbraio 2012 - 14:02

    Non sa mai cosa dire, dove andare, cosa fare e perché sta lì. Scherziamo col voto 10 a Morandi vero?! Smettiamola di portare ad esempio uno che proprio, a parte forse la simpatia, il mestiere di presentatore, intrattenitore, conversatore non sa neppure dove stiano di casa. Morandi 4 insieme a chi l'ha scelto. Ho letto delle dimissioni di Mazza, ottimo almeno si cambia anche nell'organizzazioe e nel regolamento per le votazioni. Spero torni Aragozzini. Voto nel complessivo al festival 4, insieme a regia, riprese (audio e video) ed (dis)organizzazione. 8 alla scenografia

    Report

    Rispondi

blog