Cerca

Il saluto di Libero a Lucio Dalla Gesù Bambino picchiatello

Il cantautore bolognese sa trasformare in sorriso anche l'ultimo pianto. Addio allo zio mattacchione e attempato, al genio peloso e diverso

Il saluto di Libero a Lucio Dalla Gesù Bambino picchiatello

Lucio Dalla era, anzi è Gesù Bambino. E' l'allupato che non resiste e alla fine si smanetta. E' il film del lunedì sera su Raiuno, è il dibidibà. E' lo zio un po' attempato e picchiatello che mette in guardia dal lupo. E' quello che manda a cagare, anzi a cagher, il cattodelirante Adriano Celentano. E' l'uomo che ha visto la sua ultima luna a Zurigo, in Svizzera. Triste morire lontano dalla sua Bologna, mai lasciata neanche quando diventa obbligato il grande salto nella Milano degli Anni Sessanta, quella che ride e si diverte, quella che lo aspetta a gambe aperte. Sarà che lui è uno diverso. Gay, anzi frocio, così senza falsi pudori o vergogne da celare e senza mai bisogno di esibire nulla. Col sorriso sulle labbra e la berretta di lana ben calata sulla pelata prima, da giovane. E con l'orecchino brillante al lobo e quel buffo ciuffo biondo poi, da vecchio. Ammesso che a 68 anni Dalla fosse vecchio.

Lucio Dalla è morto a 69 anni

"Lucio a Sanremo 2012"

Musicalmente, forse sì. Difficile ritrovare l'energia, la magia, la follia degli anni Settanta. D'altronde due poeti non possono camminare insieme per tutta la vita, ma quando lo fanno è un big bang. Lui, Lucio, e l'altro, Roberto Roversi. E poi quei tre album tre, dal 1977 al 1980: Com'è profondo il mare, Lucio Dalla, Dalla. Sempre più diretti, sempre più essenziali, come si addice ai capolavori.
 

Gianni Morandi, Francesco De Gregori, Francesco Guccini, Gino Paoli, Ron, Gaetano Curreri: non parlano, o se parlano è solo per dire che non hanno parole. Le hanno perse tutte d'un colpo, loro che con Dalla hanno condiviso palchi e tournée, tagliatelle e bicchieri di rosso, magari all'osteria da Vito, a Bologna. Stagioni e anni, quando l'America era lontana, dall'altra parte della luna, oppure dietro a un clarinetto e una chitarra, a suonare fino all'alba.

Dal jazz al pop, dalla lirica al cinema. Dalla è diverso perché quella strada per le stelle lui la percorre in lungo e in largo, tutta. Ai lati ci trova il mondo intero: checche che fanno il tifo, ragazzi con gli occhi verdi che sembrano di vetro, puttane ottimiste e di sinistra. Zingari, innamorati, donne con le grandi tette, barboni proprio lì dietro l'angolo, in piazza Grande. E per quella strada è invecchiato, per qualcuno è impazzito. Come quando, lui nato cresciuto e vissuto nell'Emilia rossa, lui mina vagante per definizione, sorprende tutti e dice che sì, ci ha cantato ai Festival dell'Unità, "ma solo perché pagavano. Mica perché sono comunista". Apriti cielo, i vecchi compagni lo macellano. Capitelo, è sempre stato un po' matto. Peloso e matto.

Lucio Dalla story

 

La casa di Lucio Dalla a Bologna

L'hotel in cui si è spento Lucio Dalla

 

Due settimane fa, da quella "festa di piazza di Sanremo" picchia duro su Festival ("Non credo ce ne sia stato mai uno peggiore"), Celentano ("Un cantante che s'improvvisa sociologo e per cinquanta minuti ci tiene in ostaggio, farebbe bene a cantare e basta"), pseudo giudici ("Tutti appollaiati a far caciara"). Defilato, accompagna Pierdavide Carone. Un figlio dei talent show, di Maria De Filippi. Ma a Dalla frega nulla: lo apprezza e gli regala Nanì. Accoglie con il solito misto di generosità, ironia e incazzatura l'eliminazione. Tira dritto e parte per l'ennesimo tour, senza sapere che i giorni stan finendo tutti in fretta e in fila. In fondo va bene così. Basta suonare e trasformare in sorriso anche l'ultimo pianto.


di Claudio Brigliadori

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    02 Marzo 2012 - 16:04

    L'omaggio a Dalla lo farò direttamente Domenica, visto che sono di Bologna; vorrei, però farvi notare come si possa essere dichiaratamente di sinistra ed essere come lui e contemporaneamente, pur essendo di sinistra, cattolici senza, obbligatoriamente, doversi confondere coi comunisti atei e stalinisti! Un'altra sua lezione, dunque, di quella tolleranza e soprattutto di quel corretto uso del proprio spirito critico che sembra per tanti irrangiungibile! Ed ancora essere dei diversi, e chi legge sa cosa intendo, e meritare egualmente il Paradiso.

    Report

    Rispondi

  • lupodioeriferia

    02 Marzo 2012 - 15:03

    Ciao piccolo grande uomo, tutte le parole le frasi non possono esprimere la tristezza per quello che si prova nel doverti dire addio. grazie per le poesie che ci lasci in eredita. Ciao Lucio tuo con affetto Lupodiperiferia

    Report

    Rispondi

  • roro43

    02 Marzo 2012 - 12:12

    Caro Lucio, credente come te scrivo alla tua particella divina. Come l’anima, l’arte non muore mai; é una delle sue espressioni più esaltanti. Quella che qui hai lasciato e che ha coinvolto ed inebriato il passato e il presente di tutti noi, continuerà a cantare in ogni individuo dall’anima fanciulla. Grazie Lucio, nessuno potrà dimenticarti. Vivi il tuo futuro al quale tendevi con l’innocente curiosità dei bimbi e che hai raggiunto con la musica nel cuore. Lì, nuove e illimitate suggestioni, faranno della tua arte un’altra delizia del Paradiso… Ciao… ciao Gesù Bambino!!!

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    02 Marzo 2012 - 11:11

    Sicuramente Lucio era un anticonformista.Un animo popolano inserito nella Bologna snob, quella dell'Università, Bologna la dotta e Bologna la grassa. Lui era innanzitutto bolognese ma anche un po siciliano e napoletano. Milanese? No, Milano la rispettava e per certi versi la temeva. Per un geniale bolognese con il cuore rivolto a sud, Milano gli appariva una città fredda.Anche i geni sbagliano Milano non aveva le gambe aperte ma aveva le braccia aperte ed il cuore in mano. Non per nulla altro genio della musica leggera, Lucio Battisti, aveva scelto Milano ed un paesino della splendida Brianza per viverci e morire. Ma la grandezza di Lucio Dalla faceva superare tutto, le sue canzoni hanno accompagnato i sogni di generazioni. Aveva 68 anni ma, ne poteva avere 30 o 50, non sarebbe cambiato nulla. I geni non hanno ne tempo ne età. Il suo capolavoro assoluto, 'Caruso' è un inno scritto nel linguaggio universale di musica e poesia. E' banale ricordare che: "se ne vanno sempre i migliori"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog