Cerca

Che cos'è il Fatto Quotidiano? L'inserto satirico di se stesso

Se la cantano e se la indagano. Travaglio compagno di vacanze di Ingroia. Ecco come fanno le inchieste su quel giornale

Che cos'è il Fatto Quotidiano? L'inserto satirico di se stesso

Ormai il Fatto Quotidiano è diventato l’inserto satirico di se stesso. La cronista Sandra Amurri - già ammiratrice di Hugo Chavez e candidata con Di Pietro - ha deciso di scaraventarsi nell’inchiesta sulla «trattativa» (una delle tante) e ha rivelato che nel dicembre scorso origliò una sconcertante conversazione di Calogero Mannino alla pasticceria Giolitti di Roma: dopodiché, ha scritto ieri, la scena «è giunta a conoscenza dei magistrati di Palermo». Ma per questo bastava andare nella stanza di Travaglio: lui e il pm Ingroia sono compagni di vacanze. E sarà un caso che proprio Ingroia, infatti, poi l’ha sentita come testimone. Insomma, potrebbero lavorare tutti nella stessa stanza: in pochi metri avremmo un super pm antimafia, un megafono di procura, una fiancheggiatrice pasionaria, una teste d’accusa, un’ex candidata dipietresca, un incrocio di fonti e poi - in caso di noia, probabile - tutti al mare. Non mancherebbe una foto di Giovanni Falcone, visto che i citati ne deformano la memoria ogni due secondi. Il Fatto, a proposito del concorso esterno per mafia, ha titolato «Bocciato Falcone». Peccato che proprio Falcone disse, circa il  416bis: «Non sembra abbia apportato contributi decisivi nella lotta alla mafia. Anzi, vi è il pericolo che si privilegino discutibili strategie intese a valorizzare, ai fini di una condanna, elementi sufficienti solo per aprire un’inchiesta». Infatti.

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tuccir

    12 Marzo 2012 - 10:10

    Negare l'evidenza? Avranno imparato da Silvio!

    Report

    Rispondi

  • honhil

    12 Marzo 2012 - 09:09

    Marcuccio Travaglio e Il Fato Quotidiano sono dei fiori anacronistici che soltanto nell’artificiale palude melmosa creata dai nostri mass media potevano crescere.

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    11 Marzo 2012 - 21:09

    fra le tante coincidenze hai dimenticato di scrivere che per coincidenza Mangano era lo stalliere di Berlusconi. Un sinistro infiltrato?

    Report

    Rispondi

  • minimo

    11 Marzo 2012 - 19:07

    Ho iniziato a leggere l'articolo del fatto sulla requisitoria del procuratore generale jacoviello non ho avuto la forza mentale di continuare a leggerla: Ho smesso subito:non sono abile a scalare gli specchi. Che scivolata!!!!!!Giornalistica s'intende.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog