Cerca

Adesso Freccero rischia il posto, ma la fiction-porno resiste

Procedimento disciplinare contro il direttore di Rai4, ora deve decidere il direttore generale Lei. La serie hot va ancora in fascia protetta

Adesso Freccero rischia il posto, ma la fiction-porno resiste

E ora che il procedimento disciplinare a carico di Carlo Freccero, direttore di Rai 4,  è stato aperto tutto può accadere. Compreso il licenziamento, come aveva tentato di fare l’ex direttore generale della Rai, Mauro Masi, con Michele Santoro. Allora c’era di mezzo un «ma vaffanbicchiere» consegnato in diretta, durante una  puntata di Annozero. Questa volta, invece, ci sono insulti e minacce al nostro collega Francesco Borgonovo (colpevole solo di avere espresso dubbi sulla collocazione oraria di un prodotto televisivo), parolacce e offese nei confronti della Lei e del Vaticano, il tutto consegnato a mezzo stampa. Cambia il mezzo, ma non il fine, viene da pensare. Nel frattempo la serie televisiva Fisica e chimica  continua imperterrita ad essere mandata in onda dalla quarta rete del servizio pubblico quando non si dovrebbe. Perché nessuno è ancora intervenuto? Perché il direttore generale, Lorenza Lei, non ha fatto valere i propri poteri, avendone la facoltà? Per molto meno sono saltati programmi di maggior peso.  Eppure nel calderone dell’affaire Freccero è finito anche il Vaticano viste le accuse del direttore di Rai 4 rivolte ai cardinali. Possibile che un direttore di rete abbia più potere di un direttore generale o le ragioni sono altre? Qualcuno, prima o poi, dovrà spiegare l’arcano.

Nel frattempo l’attuale direttore generale della Rai, Lorenza Lei, l’unica ad avere la titolarità ad aprire provvedimenti disciplinari nei confronti dei direttori di rete e testata, ha deciso di affidarsi all’ufficio legale e a quello del personale. L’obiettivo della Lei è quello di presentarsi al prossimo consiglio di amministrazione con moneta sonante da poter spendere subito, visto che gli amministratori di viale Mazzini hanno messo la Lei di fronte alle proprie responsabilità. «La prossima settimana», spiega a Libero Antonio Verro, membro del cda in quota Pdl, «chiederemo al direttore generale precise garanzie sulla tempista dei provvedimenti da adottare nei confronti di Freccero. Quanto accaduto è di una gravità unica». Verro, comunque, non crede che vi siano «gli estremi per il licenziamento, nonostante la necessità di mandare in onda in altri orari la fiction». Ma che il caso sia grave lo sia lo dimostra il fatto che il direttore di Rai 4 non ha partecipato al faccia al faccia con il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, organizzato da Tgcom 24. Il confronto sarebbe dovuto andare in onda ieri pomeriggio, ma gli «impegni» di Freccero, convocato dal direttore delle risorse umane della Rai, hanno fatto saltare l’appuntamento televisivo.

In attesa di vedere come andrà a finire questa telenovela, la Lei si ritrova fra le mani un’altra patata bollente. A poche settimane dall’approvazione del bilancio, sul quale la Lei ha puntato tutte le proprie fiches per la riconferma, i dati della pubblicità parlano di un calo generalizzato dei ricavi, stimabile fra il 15 e il 20%. Un vero e proprio bagno di sangue per le casse della Rai,  che godono tutt’altro che di buona salute. In buona sostanza solo in pochissimi casi gli introiti coprono le spese dei programmi mandati in onda. I casi Fiorello e Sanremo dove la pubblicità ha raggiunto a malapena la metà dei costi sostenuti, sono lì a dimostrare che la grandeur non paga più.
 Per questa  ragione il direttore generale ha iniziato a chiedere ai direttori di rete e ai responsabili delle risorse artistiche l’attuazione di un drastisco taglio dei compensi delle star. E di roba da  tagliare, a dire il vero ce n’è un bel po’ a partire, dai contratti faraonici di Fabio Fazio, Antonella Clerici, Milly Carlucci. Il conduttore di Che Tempo che Fa, per esempio, con il suo contratto  milionario potrebbe davvero contribuire a risanare i conti di un’azienda che ha sempre usato come fosse una cosa sua. E con lui tutta l’eletta schiera di star, strapagate per fare flop. Altro che  bilancio in attivo.
di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nokiatony

    17 Marzo 2012 - 17:05

    Staimo cadendo nel ridicolo!!! un putiferio per una serie tv che uno può o non guardare!!! ma stiamo scherzando??? allora mandiamo i cartoni animati al posto di questa fiction porno (come dite voi) su RAI4!!!!! Libero cambiate nome..qui non si è più liberi!. vergognatevi.., un giornale caduto proprio in basso! Freccero è un grande UOMO, e merita rispetto!! state conducendo una guerra mediatica senza senzo!! e siete contenti se perde la direzione del canale!! ma vergognatevi tutti!!

    Report

    Rispondi

  • Freak

    17 Marzo 2012 - 15:03

    Io guardo fisica o chimica dalla prima stagione! E’ vero che i temi trattati sono “particolari” ma sono pur sempre trattati in chiave educazione: fanno capire che drogarsi è pericoloso, che l’amicizia è un valore, e che l’omosessualità è una cosa normale (mi riferisco a roda41, che ti piaccia o no è cosi) in quanto anche l’amore tra 2 ragazzi è amore. E’ vero ci sono scene esplicite a volte, ma non è questo il tema principale della serie. Ma tanto in Italia ci sono i soliti bigotti che non vogliono far parlare di temi che reputano tabù (omosessualità e sesso in primis)...le ragioni di questo sono abbastanza chiare a tutti. Roba da matti! Freccero noi fan di fisica o chimica siamo tutti con te, che sei uno dei pochi con gli attributi!

    Report

    Rispondi

  • roda41

    17 Marzo 2012 - 10:10

    questa gente squallida e se poi i protagonisti sono questi quattro culattoni altro che quelli di Libero,fanno pure mezzo schifo a vedersi.Il fato è che corrompendo la gente,si sentono più al sicuro dele proprie sconcezze in tutti i sensi,che posono venir fuori:i nostri soldi,SUDATI,devono prenderli GENTE A POSTO.E TOGLIESSERO IL PROGRAMMA quanto prima!!!!

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    17 Marzo 2012 - 10:10

    Chiudere, chiudere, chiudere questa fogna di raccomandati e fancazzisti politicizzati e..privatizzare. Basta con questo pozzo di sperperi senza fondo !!!!!!

    Report

    Rispondi

blog