Cerca

Madonna scaricata dai gay russi: "Sei solo un'ipocrita"

Le autorità di San Pietroburgo danno l'ok a una legge contro la propaganda omosessuale e lei non annulla il concerto. "La contesteremo"

Madonna scaricata dai gay russi: "Sei solo un'ipocrita"

La parola d'ordine è "boicottare i concerti di Madonna". La comunità omosessuale russa è infuriata con la pop star poiché non ha cancellato il concerto previsto a San Pietroburgo il prossimo 9 agosto nonostante l'approvazione da parte delle autorità locali di una legge che vieta la "propaganda omosessule" in presenza di minori: di fatto ogni iniziativa come un gay pride viene messa in discussione e con tutta probabilità non si potrà fare.

Botta e risposta - Gli attivisti della comunità omo russa hanno accusato Madonna di essere un'ipocrita. Il leader del movimento per l'orgoglio omosessuale, Nikolai Alekseev, ha annunciato battaglia e forti proteste durante l'esibizione della cantante: "Quale sarà la forma della contestazione, per ora non lo abbiamo deciso. Comunque sarà una contestazione pubblica". Da par suo madonna ha cercato di gettare acqua sul fuoco promettendo sulla sua pagina Facebook che andrà a San Pietroburgo per "parlare a favore della comunità omosessuale, per sostenerla e per dare forza e ispirazione a tutti quelli che sono o si sentono oppressi". Ma gli attivisti non hanno dubbi: "Quello che può dire - ha aggiunto Alekseev - non interessa a nessuno. Doveva rinunciare al concerto che per il Municipio di Pietroburgo significa almeno 2 milioni di dollari di incassi: è ovvio che sei lei avesse cancellato tutto, il danno ci sarebbe stato eccome. E con esso avrebbe anche dimostrato che c'è qualcosa da perderci. Ma non è andata così".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    23 Marzo 2012 - 19:07

    che si inforchino pure tra di loro, se a loro piace, ma non pretendano anche di fare pubblicità per convincere altra gente a farsi inchiappettare.

    Report

    Rispondi

blog