Cerca

Frequenze tv, beauty contest addio: sgambetto al Cav

Gli spazi televisivi saranno assegnati entro 120 giorni con un asta pubblica: lo prevede un emendamento del decreto fiscale del governo

Frequenze tv, beauty contest addio: sgambetto al Cav

Colpo di grazia per il beauty contest ideato dal Ministro Corrado Passera. Le frequenze tv saranno assegnate tramite un’asta pubblica che si svolgerà entro 120 giorni. Questo è uno dei punti previsti dall'emendamento al decreto fiscale depositato lunedì sera dal governo in commissione Finanze della Camera. L’emendamento dovrà passare ora al vaglio degli uffici di Montecitorio per verificarne l’ammissibilità. "Al fine di assicurare l’uso efficiente e la valorizzazione economica dello spettro radio i diritti d’uso per frequenze in banda televisiva sono assegnati mediante gara pubblica indetta, entro 120 giorni dall’entrata in vigore del presente articolo, dal minsitero dello Sviluppo economico sulla base delle procedure stabilite dall’Autorità per le garanzie delle comunicazioni".

Muore il beauty contest di Passera - Il Consiglio dei ministri, si legge in una nota, "ha approvato la presentazione di un emendamento parlamentare contenente le misure per l’annullamento della procedura di gara nota come beauty contest per l’uso efficiente e la valorizzazione economica dello spettro radio". L'asta per le frequenze sarà a titolo oneroso. Alcune di queste frequenze, posizionate sopra la banda 700, saranno assegnate per un periodo di tempo più limitato in quanto, coerentemente con le future decisioni comunitarie, potranno essere destinate a servizi diversi da quelli televisivi e dunque riassegnate, tramite ulteriori aste, a operatori di TLC.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TheUndertaker

    17 Aprile 2012 - 12:12

    Il titolo dell'articolo suggerisce che sia stata perpetrata una cattiva azione contro il Cavaliere... Proviamo a pensare ad una notizia analoga:"Rapinatore esce di corsa dalla banca con una borsa piena di contante, passante gli fa lo sgambetto e salva il malloppo". Chi è il cattivo? Perchè affermate, per ben due volte, che il "beayty context" sarebbe una invenzione di Passera, quando tutto il mondo sa che fu di Romani, noto servitore di Berlusconi? Lo siete o ci fate?

    Report

    Rispondi

  • anxur

    17 Aprile 2012 - 09:09

    Se con l'asta si ricavano millecinquecento milioni, per il lavoro ai giovani, si potrà parlare di evitata appropriazione indebita pro-Mediaset?.

    Report

    Rispondi

  • anxur

    17 Aprile 2012 - 09:09

    Se con l'asta si ricavano millecinquecento milioni, per il lavoro ai giovani, si potrà parlare di evitata appropriazione indebita pro-Mediaset?.

    Report

    Rispondi

blog