Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

Ensi lancia il suo "Rock Steady"

Ensi lancia il suo "Rock Steady"

Nuovo disco. Punta a sancire un nuovo grado di maturazione professionale “Rock Steady”, il nuovo disco di Ensi, rapper torinese che condivid......

 
Ed Sheeran prepara la svolta dance

Ed Sheeran prepara la svolta dance

L'annuncio. Ed Sheeran si prepara a pubblicare la sua prima canzone di musica dance realizzata insieme al produttore Martin Garrix. Il canta......

 
Tinie Tempah in cerca d'amore

Tinie Tempah in cerca d'amore

In cerca d'amore. Tinie Tempah potrebbe innamorarsi molto presto. Il rapper di “Pass Out”, che in passato ha avuto una relazione con Jessie ......

 

ascolta ora

Radio 105

Spettacolo

Cinema: Gabriele Muccino, i David? Pagliacciata lobbistica

Roma, 13 mag. (Adnkronos) - I David di Donatello sono una "pagliacciata lobbistica 'der cinema italiano'". A sparare ad alzo zero sul premio cinematografico italiano piu' famoso e' Gabriele Muccino, che glu ha dedicato un 'post' al vetriolo sul suo profilo facebook, in occasione dell'annuncio della candidature. Muccino, che si trova negli Usa, dove pochi giorni fa ha concluso le riprese del suo nuovo film 'Fathers and dauthers', interpretato fra gli altri da Russell Crowe, aggiunge: "I David di Donatello erano così prestigiosi, un tempo, che negli Studi della Columbia a Los Angeles c'è ancora oggi una bacheca di cristallo con decine di David vinti dai film americani. Condivide l'altra parte della bacheca con quella degli Oscar. Oggi gli Oscar de noantri valgono invece come fermacarte".

Muccino racconta anche il suo personale 'incontro' con i David: "Qualche anno fa il Presidente Rondi, mi cercò di attribuire un David di Donatello, non alla carriera, per fortuna, ma "Per meriti cinematografici conseguiti all'estero". La cosa stravagante era che non avevano nemmeno considerato come candidati ai David come film stranieri i miei primi due film americani (che avevano fatto il giro del mondo) e adesso cos'era? mi volevano rimborsare con una statuetta intestata a non meglio precisati meriti internazionali mai riconosciuti nemmeno in patria? Gli risposi di tenersela pure, la statuetta. E forse, cambiandole etichetta, l'avranno pure data a qualcun altro".

"I premi valgono quando sono autentici, le votazioni senza lobby che se li spartiscono, i premi devono essere pregni dell'orgoglio di chi te li consegna perché quel valore viene dal tuo lavoro e non da giochini fatti dietro le quinte", rincara la dose il regista. "La parrocchia der cinema romano è da ricostruire guardando al cinema francese, a quello indipendente americano, alle cinematografie affamate di arte che amano il pubblico, amano il successo, e magari hanno anche dei critici che invece che scrivere la trama del film e metterti le stellette ti fanno una vera recensione e ti spiegano come leggere un film e come si possa apprezzarlo o meno. Il cinema -conclude Muccino- è una cosa molto più alta della sempre più avvilente e imbarazzante cerimonia della consegna dei David di Donatello".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400