Cerca

Prandelli ko

Il ct delira e l'Italia becca 3 gol dalla Russia. Ecco le pagelle disastrose

Il commissario tecnico pronto a lasciare gli Europei per il calcioscommesse

Il ct delira e l'Italia becca 3 gol dalla Russia. Ecco le pagelle disastrose

 

 

Un uomo solo, un ct solo. Abbandonato. Mollato nel momento più difficile e devastante per il football italiano. Cesare Prandelli si ritrova sballottato tra gestione dello spogliatoio, avvisi di garanzie, polemiche, 

difficili rapporti con la stampa e proprio in questo complicato momento, probabilmente, si sta rendendo conto che nessuno gli dà una mano. Anzi. Frastornato, anche ieri si è adattato a parlare di scommesse e magistrati, ombre e sospetti anziché di tattica, ruoli, formazioni. E lui, uno che in carriera non si era mai trovato a dover gestire pressioni di questo tipo, per cercare di smarcarsi da una situazione tanto surreale ha allargato le braccia e si è affidato alla provocazione. «Se ci dicessero che per il bene del calcio la Nazionale non deve andare all’Europeo, per quanto mi riguarda non sarebbe un problema. Ci sono cose che reputo più importanti. Non mi piacciono le crociate, mi piacciono i confronti e non le prese di posizione senza pensare alle conseguenze». Più che uno sfogo, più che un attacco, l’uscita del ct ha tutta l’aria di essere una richiesta di aiuto. Una grido di allarme. 

 

 

I casi Criscito e Bonucci - Già, diciamocelo chiaramente. Prandelli, che a questi livelli non ha certo l’esperienza di Lippi o Trapattoni, finora è riuscito a portare la Nazionale fin qui - facendo ritrovare entusiasmo alla gente e gioco alla squadra - perché è stato appoggiato dalla Federazione. Quando ha deciso di istituire il codice etico e ha fatto scelte nette (Balotelli a casa perché espulso, per esempio), ha sempre avuto il sostegno della Figc. La quale però ora, di fronte a un problemone e non più problemini, ha dimostrato inadeguatezza. La gestione dei casi Criscito e Bonucci sono la dimostrazione. Albertini ha spiegato che la notte prima della perquisizione ha tenuto il cellulare acceso perché sapeva, dunque i dirigenti erano a conoscenza delle carte e dei contenuti. E potevano aspettare qualche ora a rimandare a casa il difensore dello Zenit, che invece è diventato (facendo comodo) il capro espiatorio. Poi, hanno spinto perché Bonucci (e la stessa cosa vale per Buffon) restasse, mettendo di fatto in difficoltà il ct che, malgrado le spiegazioni («A noi non è stato ufficializzato nessun avviso di garanzia»), ora agli occhi di tutti appare incoerente.

I media - Abbandonato dalla federazione nel momento più delicato, ma non solo. Prandelli si è ritrovato anche senza l’appoggio del gruppo. Perché nella sua gestione una delle regole principali è sempre stata quella dell’apertura, della trasparenza, dei buoni rapporti con la stampa. Proprio il contrario di quanto stanno facendo i giocatori adesso che, apertamente, hanno dichiarato guerra ai media come se la colpa di tutto fosse solo di tv e giornali. E non dei loro colleghi sfigatelli che hanno scommesso e taroccato partite.

di Alessandro Dell’Orto

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paco1492

    03 Giugno 2012 - 11:11

    Prandelli é il CT italiano meno criticato stranamente nessuno ha fiatato quando il figlio é entrato nello staff della nazionale che reputo almeno inopportuno ma il fatto che sia solo non giustifica minimizzare questi se le accuse venissero confermate sono delinquenti non sfigatelli

    Report

    Rispondi

  • sconosciuto

    03 Giugno 2012 - 10:10

    basta che il sabato si guardi un bel film, la domenica si va a messa,ed a vedere la partita dei paesani,ed il problema si risolve da solo..

    Report

    Rispondi

  • qwerty1995

    02 Giugno 2012 - 17:05

    Il mister Prandelli lo reputo persona che non si merita di dover sopportare equivoci sul calcio infetto. Non si merita di dover convocare giocatori imposti da chi conta di più. La sua personalità, a mio modesto parere, stona a confronto del capitano che a proposito dei suoi pagamenti al gestore di un'agenzia di scommesse risponde semplicemente che con i suoi soldi fa quello che gli pare. Con queste premesse l'europeo si preannuncia un disastro, sia sportivo che d'immagine. Meglio lasciar perdere subito.

    Report

    Rispondi

  • FabriD

    02 Giugno 2012 - 14:02

    Caro Raucher quanto ha ragione !!!! Giocatori venuti dall'estero .. con nomi e sponsor altisonanti .... che a suon di proclami tipo ... fantastico ... stupendo ... etc..... più che altro FANNO PENA !!! Non sanno cos'è il calcio ... come i giornalisti che li lodano !!! E' poi singolare ... ricordare quando da bambini si sognava di diventare ... come i campioni di calcio ... ricchi, famosi e onesti !!! ahahahahah adesso hai bambini bisognerebbe consigliare ... fatti frate non giocare a calcio ... che quelli non ne hanno mai basta ... e con stipendi da fiaba ... riescono a truccare le partite per soldi !!!! Un appunto Super Mario Balotelli ... non è nero ... è proprio GRAMMO .... e se non fosse nero .... non pulirebbe manco i cessi della nazionale !!! basta coN sti simboli idioti che invece di smorzare il razzismo .... lo fomentano !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog