Cerca

Calcio senza soldi

Austerity al Milan
In via Turati spettro
dei licenziamenti

Via non solo le vecchie glorie e le star come Thiago Silvia: a rischio anche 40 posti di lavoro su 180. E' la prima volta dall'arrivo del Cavaliere nel 1985

Austerity al Milan
In via Turati spettro
dei licenziamenti

All'orizzonte c'è la pronuncia della Cassazione sul lodo Mondadori. Un "mostro" da 560 milioni di euro che grava sulle tasche di casa Berlusconi. Un "buco" che sarebbe facile tappare vendendo quello che resta sempre il fiore all'occhiello della famiglia: il Milan, che ancora l'anno scorso Fortune valutava in 838 milioni di euro. Ma gli acquirenti latitano: gli emiri arabi si sono già comprati il calcio di mezza Europa e paiono al momento satolli. Il più vicino alla società di via Turati, il sovrano di Dubai Al Maktoum, che già versa nelle casse rossonere un milione al mese per vedere il nome della sua compagnia aerea sulle maglie, non pare interessato a ulteriori passi. Anche là si soffre, dopo lo sprofondo finanziario del 2009, che invita anche gli Emirati, se non proprio al rigore, quantomeno alla sobrietà. E così, il Milan vende: allontanati i "ferri vecchi", ora rischiano anche le stelle, Zlatan Ibrahimovic e Thiago Silva. Ma tremano anche i "comuni dipendenti" di via Turati, dove per la prima volta dall'avvento del cavaliere nel 1985 aleggia il fantasma dei licenziamenti: una quarantina, su 180 persone. Molte (secondo il sito dagospia.com) scelte dallo stesso Adriano Galliani. 

milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sig.nessuno

    15 Giugno 2012 - 12:12

    So da fonte certa che alla liquidazione dei licenziati verrà aggiunto un abbonamento per un anno a Mediaset Premium per vedere giocare Thiago Silva tenuto rifiutando 46mln di euro e fresco di rinnovo contrattuale con aumento di stipendio che con il loro sacrificio hanno contribuito a pagare.

    Report

    Rispondi

  • patetici

    15 Giugno 2012 - 12:12

    Sarebbe immorale perfino per il banana

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    15 Giugno 2012 - 10:10

    Un articolo superato dagli eventi e dalla volontà di Silvio Berlusconi di avvitarsi su di una crisi che, come in politica, potrebbe essere distruttiva. la scelta coraggiosa e molto apprezzata dai tifosi è stata quella di tentare di mantenere il Milan tra i Top club planetari. Una scelta sofferta ed economicamente impegnativa che nulla ha da spartire con demagogiche insinuazioni su riduzioni del personale. Il coraggio dell'irrazionalità che se venisse dimostrato,in altri campi, oggi non saremmo ridotti ad elemosinare favori di altri.Come tifoso milanista posso soltanto ringraziare Silvio Berlusconi per aver preso la migliore decisione possibile.Non vendere alcun top player nonostante il grave furto subito(non parlo del goal di Muntari)ma della sentenza Mondadori!

    Report

    Rispondi

  • ginoilpollo

    14 Giugno 2012 - 23:11

    Chissà se nella lista dei licenziati c'è anche la Votino...mi sa proprio di no!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog