Cerca

L'uomo degli scandali

Chi è Michele Ferrari, il santone del doping che ha aiutato Schwazer

Tantissimi gli atleti passati sotto le "cure" del medico, che anni fa dichiarò: "Assumerei tutto ciò che non si becca"

Chi è Michele Ferrari, il santone del doping che ha aiutato Schwazer

Nel mondo dello sport, il nome di Michele Ferrari, medico di professione, aleggia quasi come un'ombra nera. Definito da molti il guru della farmacologia, si è sempre dimostrato a favore della pratica del doping, diventandone un vero e proprio esperto. "E' doping solo quello che viene trovato ai controlli. Se fossi un atleta, assumerei tutto quello che non si becca", aveva dichiarato anni fa. Squalificato dalla Federciclismo nel 2002 e sospeso a vita dall'Usada, l'agenzia antidoping Usa, sono molti gli atleti passati sotto la sua ala, poi trovatisi al centro di sospetti e polemiche: tra i tanti i ciclisti Lance Armstrong, con cui Ferrari ha avuto rapporti molto stretti per anni, Filippo Pozzato, che non ha potuto partecipare alle ultime olimpiadi proprio per la sua frequentazione con il farmacista, Michele Scarponi, vincitore del Giro 2011, e Alexandre Vinokurov, oro su strada a Londra 2012 (quest'ultimo al rientro dopo una squalifica per doping). Anche Alex Schwazer, recentemente squalificato da Londra 2012 perchè positivo all'Epo, ha ammesso di averlo contattato nel 2009 per non precisati "motivi tecnici", salvo poi allontanarsene nel 2011. 

Il sistema - Quello messo su da Ferrari è un autentico giro d'affari da milioni di euro l'anno. Il suo metodo consiste nel seguire gli atleti in camper, su cui per altro è stato visto salire anche lo stesso Schwazer, per poi sottoporli ad un check-up completo, con tanto di tabelle di allenamento e alimentazione, e precisi suggerimenti su certe sostanze sospette da poter assumere, come risulta da intercettazioni ambientali ora al centro di un'inchiesta in corso ad opera di Nas (Nuclei anti Sofisticazioni) e Finanza per la procura di Padova. Attualmente, Ferrari è indagato per esportazione illegale di capitali all'estero, riciclaggio ed evasione fiscale, oltre che per associazione a delinquere finalizzata alla commissione di pratiche illecite nello sport.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog