Cerca

Magica Roma dei veleni

De Rossi attacca Zeman: "Allenamenti troppo duri"

Il retroscena: il centrocampista fuori con l'Atalanta perché reputa controproducenti i metodi del tecnico boemo. Tra i due è rottura

Daniele De Rossi e Zdenek Zeman

Daniele De Rossi e Zdenek Zeman

 

Il tecnico boemo Zdenek Zeman non guarda in faccia nessuno. "Non basta il nome, non riconosco gerarchie del passato, devono pensare alla squadra e non ai fatti loro. E dimostrarmi di avere voglia durante la settimana". Con queste - dure - parole, il mister della Roma aveva motivato l'esclusione di due gioielli del calibro di Daniele De Rossi e Daniel Osvaldo dal match casalingo (e vittorioso) contro l'Atalanta. L'irrevocabile decisione, Zeman l'ha presa venerdì pomeriggio, ma ai due diretti interessati l'ha comunicata solo pochi minuti prima del calcio d'inizio di domenica. Capitan Futuro e Osvaldo, seduti fianco a fianco in panchina, non hanno preso bene l'esclusione. 

Il retroscena - Ma la rottura non è avvenuta né domenica né nel corso dell'allenamento del venerdì. Secondo le voci che sono trapelate da Trigoria, riporta Repubblica.it, la rottura (definitiva?) tra Zeman e De Rossi sarebbe avvenuta martedì, nel corso della riunione tecnica. In quell'occasione il centrocampista ha sbottato, spiegando come lui e altri compagni di squadra siano ben poco convinti dell'utilità delle (durissime) doppie sedute di allenamento imposte dal boemo. Zeman come ha risposto? A modo suo, ossia con una sessione tecnica durissima, straziante, zeppa di addominali e gradoni in serie. A Trigoria, e Zeman l'ha detto chiaro e tondo, non c'è cognome o bandiera che tenga. Decide lui e lui soltanto.

I precedenti - Ma le radici del malessere tra De Rossi e Zeman affondano alcuni mesi più in là, quando già ad agosto Capitan Futuro spiegava: "Speravo arrivasse Montella", quando invece la società giallorosso-statunitense aveva già deciso per il gran ritorno del maestro boemo. Poi altre bordate dopo il tonfo in casa della Juventus, quando De Rossi mise in dubbio il gioco della squadra per poi chiudere la porta al tricolore: "Chi parla di scudettof a il male della Roma". E chi parlava di scudetto? Zeman, ovvio. Lo aveva fatto solo qualche ora prima in conferenza stampa. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miacis

    31 Ottobre 2012 - 09:09

    Ora abbiamo capito il vero motivo per il quale De Rossi non é andato in inghilterra!Voja de faticà sarteme addosso!

    Report

    Rispondi

  • cal.vi

    09 Ottobre 2012 - 15:03

    è diventato impossibile fare allenamenti con questo caldo. In questo periodo si potrebbe giocare tutt'al più a bigliardino, poi quando viene il fresco si può tornare a correre.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    09 Ottobre 2012 - 13:01

    24pinux3 06/09/2012 18:09 Postato da ciannosecco In aereo ho avuto l'occasione di conoscere Gomis, portiere del Torino in prestito al Foggia,che ritornava a Torino per curarsi un'infortunio. Allenatore del Foggia era Zeman.Ti voglio solo dire la frase che sintetizza tutto "questo è pazzo".Se ti racconto i particolari non ci credi.Togli la parola comunista,che è riferita ai suoi metodi e non all'idelogia,e sostituiscila con la parola, paraculo.L'articolo così corretto raggiunge la perfezione.http://www.liberoquotidiano.it/news/Sport/1071107/Altro-che-ribelle--belle-paroli-e-pochi-fatti--Zdenek-e-un-comunista---.html

    Report

    Rispondi

  • AlessioDiggia

    09 Ottobre 2012 - 07:07

    Ma scusate, con soli 6 milioni di € l'anno volete anche la seduta doppia?!?! Io sto con De Rossi, se volete la seduta doppia bisogna arrivare almeno a 8 milioni......VERGOGNA, QUI C'è GENTE CHE MUORE DI FAME!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog