Cerca

L'affare

Sneijder verso il Milan
Ha rotto con L'Inter
e vuole giocare

Il numero dieci ormai nei nerazzurri non trova più spazio. Rischia il posto in nazionale e il Milan comincia a pensare a lui

Un altro acquisto dall'Inter per rilanciare il Milan. Il piano dei rossoneri per portare l'olandese in via Turati
Sneijder verso il Milan
Ha rotto con L'Inter
e vuole giocare

Wesley Sneijder

 

Pirlo, Seedorf, Pazzini e...Wesley Sneijder. L'idea c'è. Lo scenario pure. Un altro scambio all'ombra del Duomo è pronto. Il numero 10 dell'Inter da tempo ha rotto con la società nerazzurra. A 28 anni e con i piedi buoni che si ritrova Wes potrebbe essere il nuovo colpo del Milan per sistemare il reparto offensivo. Galliani da tempo dice che affari con l'inter non se ne fanno più. Poi dà via Cassano all'Inter e prende il "Pazzo". Quindi le vie per gli scambi si sono riaperte e tutto può succedere. L'olandese fa il caso del Milan. Il suo ruolo si sposa bene con l'impianto di Allegri e ha una grande esperienza internazionale. E' un grande lottatore ed è ancora relativavemente giovane. E' in difficoltà nel suo club e il Milan riesce a pescare bene fra le difficoltà altrui. Ibrahimovic è arrivato dopo il tonfo a Barcellona e Cassano dopo la rottura con garrone a Genova. L'unico ostacolo per l'arrivo di Sneijder in via Turati è l'ingaggio. Pesante e troppo oneroso per le casse del Milan.

Problema inaggio Il suo stipendio è al centro del mobbing all'Inter. "Non gioca finchè non dà una risposta alla nostra proposta di adeguare il contratto", hanno tuonato da via Durini. Wes è stato inanmovibile e non ha voluto nemmeno spalmare il suo ingaggio. Il numero 10 dell'Inter andrebbe a posizionarsi nel 4-3-1-2 che il Milan comincia ada adottare dopo i consigli di Berlusconi. Il presidente vuole chiudere l'affare. Wes non può perdere tempo. Alla sua età restare fermo a lungo può rischiare di perdersi. C'è in ballo anche il posto in nazionale. Patrick Kluivert, ex rossonero e secondo di Van Gaal sulla panchina della nazionale olandese è chiaro: "Chi non gioca nel suo club non viene convocato". E' il caso di Sneijder. Un problema che pesa nella testa del giocatore. E' in cerca di una squadra che gli possa dare continuità. Lui a Milano sta bene. Deve solo cambiare maglia.

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog