Cerca

Gp di Sao Paulo

Un'ombra "gialla" sul mondiale di Vettel: sorpasso irregolare?

Il pilota tedesco avrebbe eseguito sorpassi in regime di bandiera gialla, quando è proibito. Con la sua penalizzazione, il campione sarebbe Alonso

Un'ombra "gialla" sul mondiale di Vettel: sorpasso irregolare?

 

I sospetti corrono sul web: il mondiale di F1 vinto da Sebastian Vettel non sarebbe regolare, mentre ci sono i presupposti per un ricorso che vedrebbe trionfare d'ufficio la Ferrari e Fernando Alonso. Il pilota tedesco della Red Bull, autore di una rimonta nell'ultimo Gp di Sao Paulo che lo ha portato dall'ulitmo al sesto posto (così da tenere Alonso, secondo nel grand premio, alle spalle anche nella classifica generale dei piloti), ha compiuto tre sorpassi in regime di bandiera gialla, quando cioè il sorpasso è vietato. Le manovre scorrette, segnalate dalla stampa brasiliana e spagnola, sarebbero tre, due già vagliate dai giudici di gara, una ancora in sospeso. A incastrare Vettel ci sono i video in soggettiva presi dalla stessa camera installata sulla sua monoposto. Se la Federazione Internazionale riconoscesse la scorrettezza, al pilota tedesco verrebbe comminata una penalità di 20 secondi nell'ultima gara, con conseguente retrocessione di due posti nella griglia degli arrivi e, quindi, perdita di punti. In questo caso, Alonso si ritroverebbe primo con un punto di vantaggio nella classifica generale e campione del Mondo.

guarda uno dei sorpassi sospetti su Libero Tv

Sponda Ferrari - Da Maranello c'è molta prudenza sulla vicenda. Il cavallino rosso non vuole esporsi in assenza di prove certe delle scorrettezze di Vettel, temendo le possibili ricadute di immagine di un eventuale ricorso perso. ALonso e l'agente, invece, sono molto più decisi e fanno pressioni perché si arrivi al ricorso: anche se d'ufficio, la vittoria iridata fa gola.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlo.tajana

    29 Novembre 2012 - 18:06

    Ma che razza di modo di ragionare e' dicendo che siamo i soliti Italini? I soliti "signori" inglesi se ne sono fragati per tutto il campionato intepretando le regole amodo loro e fragando tutti gli altri a cominciare dai Ferraristi troppo signori Quindi se sorpasso c'e' stato in regime di bandiera gialla, e' sacrosanta la penalizzazione come smpre successo in casi simili Occhio che i furbi non sono gli Italiani ma i "Red-Bull"

    Report

    Rispondi

  • ripper

    29 Novembre 2012 - 16:04

    e valgono per tutti. Se Vettel ha sbagliato è giusto che paghi: che poi questa sia stata la corsa che aggiudicava il mondiale è solo una casualità. Molti altri piloti durante la stagione sono stati penalizzati per le bandiere gialle. Perchè Vettel no? Fra l'altro già durante la gara il cronista Rai aveva detto che Vettel aveva sorpassato in regime di bandiere gialle, perchè non sono stati presi provvedimenti subito?

    Report

    Rispondi

  • releone13

    29 Novembre 2012 - 10:10

    non facciamo i soliti italiani vittime dei regolamenti....Vettel e la Red Bull ci hanno fatto un mazzo cosi nella seconda parte del mondiale, sempre più veloci e Vettel decisamente bravo a guidare, per cui si meritano il mondiale. Anche se avesse avuto la penalità chi dice che non sarebbe arrivato ai punti necessari a vincere il mondiale? Penso che la Ferrari, che rimane sempre la nr. 1 al mondo, non debba fare nessun ricorso, ha un immagine che non può rovinare, e poi che gusto c'è a vincere un titolo a tavolino?Le vittorie si ottengono sul campo, o in pista, non con i tribunali, chi fa sport sa che è cosi. Alonso è stato bravissimo, ha fatto il massimo con una macchina che non era la migliore, per cui in Ferrari devono solo pensare a sviluppare una macchina migliore per l'anno prossimo. Ci sono riusciti quelli della Red Bull, non ci riusciamo noi??????????????

    Report

    Rispondi

  • charles_56

    29 Novembre 2012 - 06:06

    Innanzi tutto le prove, per il resto soliti italiani, solita FIAT.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog