Cerca

L'Inter è campione d'Italia

Primo "titulo" per Mourinho

L'Inter è campione d'Italia

L’Inter di Jose Mourinho ha conquistato il 17° scudetto nella storia del club nerazzurro, senza mettere piede in campo. Il “regalo” arriva, ironia della sorte, dal Milan, sconfitto per 2-1 in trasferta a Udine. Il distacco tra le due formazioni milanesi è di 7 punti a ormai due giornate dalla fine: domani l’Inter sarà di scena a San Siro contro il Siena. Una pura formalità, una occasione per fare festa.
Zeru tituli per i rossoneri che in questi giorni sembrano di gran lunga avere la testa impegnata nel mercato: Ancelotti è sul piede di addio, mentre per Kakà sarebbe arrivata un’offerta da parte del Real Madrid. E il portoghese ha azzeccato anche il calendario: aveva detto che la stagione si sarebbe decisa contro il Siena nel girone di ritorno. Ed infatti la matematica gli dà ragione.
Al Friuli di Udine i bianconeri di Marino hanno condotto una gara perfetta, senza concedere spazio al Milan che ha schierato nello stesso tempo anche Inzaghi, Pato e Ronaldinho. Ma la frittata era ormai fatta, con i gol di D’Agostino (su rigore) al 31’ del primo tempo e il raddoppio di Zapata dopo soli quattro minuti dalla ripresa. Nel recupero il colpo di testa inutile di Ambrosini.
Uno scudetto, quello interista, che però ha un po’ il gusto amaro di un titolo che era dato per scontato dall’inizio della stagione. Nemmeno Mourinho, al primo anno sulla panchina della società di Moratti, è riuscito nell’impresa tanto ambita da quelle parti: vincere la Champions League.
La sconfitta del Milan apre un nuovo scenario anche per la lotta al secondo posto: la Juventus domani può accorciare le distanze, al momento si trova staccata di 4 punti dai rossoneri. Gli uomini di Ranieri affronteranno l’Atalanta a Torino in un match a porte chiuse per i cori razzisti all’indirizzo di Balotelli nella partita con l’Inter.

UDINESE-MILAN 2-1
UDINESE (4-3-3): Handanovic; Isla, Zapata, Felipe, Pasquale; Inler, G. D'Agostino (40' st Obodo), Asamoah; Pepe (43' st Lukovic), Quagliarella, Floro Flores (28' st Sanchez). All. Marino
MILAN (4-3-2-1): Dida; Zambrotta, Senderos, Maldini, Jankulovski; Flamini (1' st F. Inzaghi), Pirlo, Ambrosini; Kakà, Seedorf (15' st Ronaldinho); Pato (28' st Shevchenko). All. Ancelotti
ARBITRO: Rizzoli di Bologna
RETI: 31' pt rig. D'Agostino, 4' st Zapata, 48' st Ambrosini 
NOTE: ammoniti Pasquale, Maldini, Pepe, Jankulovski, Zambrotta, Handanovic, Senderos. Recupero 0' pt, 4' st. Spettatori 33.000 circa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gasparotto

    18 Maggio 2009 - 08:08

    Datemi quella squadra,quei giocatori, quel presidente che apre il portafoglio come fosse la porta di un hotel, con nonchalance, tirando fuori milioni di euro..che vuoi? tal giocatore...toh" Ora che vuoi..tal altro..toh",e vinco anche io lo scudetto, pur facendo(avendo fatto) di mestiere ben altro. E' come mettere a montare Varenne o Ribot uno a caso. Per cui questa non la ritengo una impresa sportiva da esaltare, ma una cosa normale e di routine, come andare a fare pipì. Una riflessione: ormai il calcio è divetato un mercimonio, uno sperpero di danaro per ottenere in cambio 4 pedate ad una sfera di cuoio e fare perdere i lumi della ragione a migliaia di persone. Uno schiaffo alla miseria che attanaglia migliaia di italiani. Questo il vero scandalo, pagare milioni di euro un giocatore di pallone. E poi l'Inter mi ricorda tanto quegli eserciti medioevali, formati da mercenari svizzeri, tedeschi,francesi etc. al servizio del feudatario di turno. E' una squadra italiana l'Inter? Almeno quella del Moratti padre, un po' la faccia la salvava. Chi c'era allora di straniero? Mi pare Suarez,Jair,Peirò..ma c'erano Facchetti, Mazzola,Corso,Guarneri, Bedin etc etc .....Ora c'è solo la legione straniera, strapagata dal petroliere arricchito con i nostri "pieni" di benzina. ....E Lorenzi, detto veleno, vi ricordate Lorenzi???

    Report

    Rispondi

  • uycas

    18 Maggio 2009 - 08:08

    1 titulo, e 3 scudetti in 3 anni! Siamo chiari fino in fondo. Il primo scudetto dell'Era Moratti non esiste! Tifoso Milanista

    Report

    Rispondi

  • swiller

    18 Maggio 2009 - 08:08

    Macchì se ne frega.

    Report

    Rispondi

  • Enzo47

    18 Maggio 2009 - 08:08

    L'Inter è il fenomeno vivente del calcio, è l'unica squadra al mondo che vince senza giocare. Quando però scende in campo (in Europa è obbligatorio) son cazzi amari, e li non ci sono i Guido Rossi i Palazzi, o i Tronchetti Provera che pilotano i risultati. In Italia hanno legalizzato il furto e si vede, Moratti comanda e tutti ubbidiscono, "L'oro nero, (il petrolio) è sempre più mora(tti)...azzurro" mentre invece il blanc...nero (è) fuori moda. Il calcio ora è pulito, se ci credete, beati voi! Infatti l'Udinese con Juve e Milan ha tirato nella porta giusta, mentre...ai tempi di calciopoli chissa? Enzo47 e Forza Varese.

    Report

    Rispondi

blog