Cerca

Capolista da record

Serie A, Juventus in volo: 1-0 alla Fiorentina. Roma ko a Napoli

Serie A, Juventus in volo: 1-0 alla Fiorentina. Roma ko a Napoli

Un capolavoro di Asamoah e una zuccata di Callejon potrebbero aver messo la parola fine su questo campionato. La Juventus continua il suo volo solitario: nell'anticipo di mezzogiorno del 27° turno di Serie A, la capolista soffre, combatte, rischia ma alla fine la spunta in casa contro la Fiorentina, quarta in classifica, allungando a +14 sulla Roma. I giallorossi, che devono recuperare la gara contro il Parma, cadono nel big match della sera al San Paolo contro il Napoli, e dicono probabilmente addio ai sogni scudetto. Gli uomini di Garcia, ancora senza Totti, vengono stesi da un colpo di testa perfetto dello spagnolo ex Real Callejon all'81' e perdono anche un elemento chiave come l'olandese Strootman, ko dopo 10 minuti per una distorsione al ginocchio. L'undici di Benitez, già giustiziere della Roma nella semifinale di Coppa Italia, è ora a -3 dal secondo posto che varrebbe la qualificazione diretta in Champions League.

Il record di Conte - Per la Juve di Antonio Conte, invece, un altro passo verso il sempre più probabile terzo scudetto consecutivo. La Fiorentina di mister Montella entra in campo timida e molto coperta, subendo per un tempo la veemenza dei bianconeri, che sfiorano il vantaggio col solito Tevez e passano al 44' col ghanese Asamoah, bravissimo a preparare la conclusione vincente (anche grazie a una deviazione di Pizarro). Nella ripresa sono però i viola a salire di tono, con Mario Gomez e Vargas pericolosi prima della traversa di Matos nel finale. Sollievo per Buffon, sorriso finale per Conte, che intanto incassa l'ennesimo record: quattordicesima vittoria interna consecutiva, eguagliato il record in A del Torino scudettato, stagione 1975/76. La Fiorentina invece deve guardarsi le spalle dalle inseguitrici.

Palacio, e l'Inter va - Basta un gol di Rodrigo Palacio all'Inter di Mazzarri per sbarazzarsi del Torino di Ventura: al 30' l'argentino decide la gara di San Siro e porta i nerazzurri a -1 dai viola. Occhio al Parma, che prosegue il suo campionato sorprendente: al Tardini Biabiany nel primo tempo e Schelotto in zona Cesarini piegano 2-0 l'altra mina vagante del torneo, il Verona di Mandorlini settimo, e portano i ducali a quota 43 in piena lotta per l'Europa League. Dietro, cade male la Lazio, sconfitta 1-0  in casa dall'Atalanta di Maxi Moralez. In coda il colpaccio è del Chievo, che batte 2-1 il Genoa al Bentegodi: apre Paloschi su rigore, ribatte Gilardino a 3 minuti dalla fine ma è ancora Paloschi, sempre dal dischetto a dare la vittoria ai Mussi a pochi secondi dalla fine. Clamoroso, invece, il ko del Livorno a Genova: in vantaggio 2-0 grazie alla doppietta di Mbaye, i toscani vengono travolti nella ripresa dalla Sampdoria, che vince 4-2 con le reti di Krsticic, l'autogol di Ceccherini, Okaka e Gabbiadini. Il derby emiliano delle pericolanti tra Bologna e Sassuolo finisce 0-0: un punto che serve poco soprattutto ai neroverdi di patron Squinzi.

 


Serie A, 27° turno

Udinese-Milan 1-0 (Di Natale)
Catania-Cagliari 1-1 (Bergessio; Vecino)
Juventus-Fiorentina 1-0 (Asamoah)
Bologna-Sassuolo 0-0
Chievo-Genoa 2-1 (2 Paloschi rig; Gilardino)
Inter-Torino 1-0 (Palacio)
Lazio-Atalanta 0-1 (Moralez)
Parma-Verona 2-0 (Biabiany, Schelotto)
Sampdoria-Livorno 4-2 (Krsticic, aut. Ceccherini, Okaka, Gabbiadini)
Napoli-Roma 1-0 (Callejon)

Classifica

Juventus 72
Roma 58*
Napoli 55
Fiorentina 45
Inter 44
Parma 43*
Verona 40
Lazio 38
Torino 36
Genoa 35
Milan 35
Sampdoria 34
Atalanta 34
Udinese 31
Cagliari 29
Chievo 24
Bologna 23
Livorno 21
Catania 20
Sassuolo 18

* Una partita da recuperare

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • keko70

    09 Marzo 2014 - 22:10

    Strano, quando si parla di calcio e le chiacchiere da bar sport vengono relegate in secondo piano, non si vede nessuno che abbia voglia di commentare gli articoli di calcio, tutti gli antijuventini si dileguano. E' una goduria vedere l'Italia antisportiva in lutto e silente.....mettetevelo in testa: la Juve è la più forte. Le fantomatiche ruberie sono le dicerie degli sfigati.....

    Report

    Rispondi

blog