Cerca

Verso il Brasile

Mondiale 2014, la pazza idea di Prandelli: convocare Cassano

Mondiale 2014, la pazza idea di Prandelli: convocare Cassano

Saranno gli ottimi risultati in campionato del Parma che continua la scalata verso un posto al sole in Europa League o sarà la mancanza di esperienza degli azzurri emersa a Madrid nell'amichevole contro la Spagna la scorsa settimana, ma Antonio Cassano sembra essere tornato nelle grazie di Cesare Prandelli. Tra oggi e domani il ct della Nazionale sarà a Parma per un colloquio chiarificatore, cui seguirà la convocazione per uno stage: la tappa decisiva che potrebbe portare il quasi 32enne Fantantonio in Brasile

 

La storia con la Nazionale - Discusso, odiato, amato. Con le maglie dei club diventa "Antonio l'immaturo", che lancia magliette addosso agli arbitri e piange dopo i cartellini rossi. In Nazionale mai una "cassanata". Si affaccia alle grandi competizioni con la Nazionale grazie a Giovanni Trapattoni che lo convoca per l'Europeo del 2004 in Portogallo. Complice lo scarso utilizzo nel Real Madrid, dopo gli Europei non fu più convocato con continuità dal nuovo ct Marcello Lippi, perdendo la possibilità di essere convocato per i Mondiali 2006, poi vinti dalla Nazionale italiana. Dopo il Mondiale, a più di un anno di assenza, Cassano ritorna in Nazionale con il ct Roberto Donadoni, ma a Madrid continua a non andare e Cassano non viene più convocato. Autore di una buona stagione al suo ritorno in Italia con la Sampdoria, il ct lo inserì nella lista dei convocati per l'Europeo 2008. Poi il ritorno di Lippi e ancora il buio. Dopo due anni ritorna in Nazionale con Prandelli instaurando un rapporto  meraviglioso con Balotelli: una coppia capace di portare gli azzurri in Finale agli Europei 2012. Proprio un ex ct della Nazionale come Donadoni, oggi al Parma, cerca di avanzare la convocazione del "suo" Fantantonio. Intervistato dai giornalisti dopo l'ultima giornata di campionato, ha espresso la sua opinione sull'argomento: "Prandelli ha le sue idee e farà le sue valutazioni ma è difficile non accorgersi delle prestazioni che sta inanellando Antonio, il suo rendimento è sotto gli occhi di tutti. Da gennaio in poi ha trovato una serenità importante che ha aiutato la squadra a guadagnare 15 risultati utili consecutivi".

Il ritorno? - Siamo vicini al Mondiale e il toto nomi per l'attacco diventa sempre più caldo. A parere di Prandelli là davanti manca un po' di fantasia, il cosiddetto rifinitore, che anche se gioca pochi minuti riesce a tirarti fuori dal cilindro la grande giocata. Sembrerebbe conseguenziale dunque chiamare uno dei maggiori talenti del calcio italiano. Senza tornare ai tempi d'oro del Fantantonio di Roma o quello di qualche anno più tardi alla Sampdoria, basta citare la giocata ad effetto nella gara vinta dal Parma contro il Verona. Ma la scelta del ct non è così semplice. Il ritorno di Cassano infatti presuppone un lungo lavoro diplomatico, imposto dal carattere particolare del giocatore, ma anche una sorta di approvazione dei senatori della Nazionale.

Lo stage di Roma - Sono 18 gli azzurri sicuri del posto, con 5 posti ancora vacanti. Dopo il match perso contro la Spagna e a tre mesi esatti dall'inizio del Mondiale brasiliano, per Prandelli è tempo di stage. Da oggi, lunedì 10 e fino a mercoledì 12 marzo 2014, il ct italiano ha organizzato al centro sportivo dell'Acqua Acetosa di Roma un summit con 31 giocatori, di cui 9 provenienti dalla Serie B. Il motivo? Definire quei 5 posti che sembrano ancora privi di un nome. Alcuni giocatori convocati dal commissario tecnico potrebbero finire nella lista dei 30 che sarà consegnata alla Fifa il 13 maggio, prima della scrematura finale che darà vita all'organico definitivo per il Mondiale.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pierantozzi.maurizio

    11 Marzo 2014 - 09:09

    io non porterei quel buffone di prandelli.

    Report

    Rispondi

  • Broadway

    10 Marzo 2014 - 18:06

    Sono d'accordo con il c.t. , anzi, visto che i piedi buoni servono sempre io porterei anche Totti oltre Cassano.

    Report

    Rispondi

blog