Cerca

Aurelio la furia

De Laurentiis aggredisce un tifoso del Napoli dopo la sconfitta con il Parma

De Laurentiis aggredisce un tifoso del Napoli dopo la sconfitta con il Parma

Non è andata proprio come doveva andare la stagione del Napoli di De Laurentiis che, nonostante le abbondanti spese estive, non convince rispetto a quello dello scorso anno. Dalla felicità del post partita con la Juve della scorsa settimana, espressa sia con un twitt e ribadità nello spogliatoio, alla rabbia per la sconfitta del suo Napoli con il Parma, che allontana quel posto al sole in zona Champions League dietro la Juve. Il nervosismo del presidente azzurro al Tardini di Parma è salito alle stelle fino ad aggredire un tifoso. La vicenda è stata riportata dal cronista di RaiSport Alessandro Antinelli. "Eravamo all'esterno della tribuna d'onore e volevamo porre una domanda al presidente De Laurentiis. Il patron azzurro ci ha risposto in modo sintetico e si è rinchiuso in macchina. Poi, di fronte alla critica di un tifoso del Napoli è sceso ed è nato un alterco".

L'accaduto - Le immagini della Domenica Sportiva ritraggono un insolito De Laurentiis prendere per la giacca il tifoso partenopeo, che molto probabilmente voleva delle parole assicuranti sul futuro del Napoli, e spingerlo contro un auto . "La reazione del patron azzurro - continua il giornalista Rai - si è placata solo quando sono intervenuti gli uomini della sua scorta. C'è da dire che la domanda posta dal tifoso è stata molto civile: Presidente, io vorrei vincere anche contro il Parma, non solo contro la Juve", sono state le parole del supporter dei partenopei. A seguito della messa in onda del filmato e del racconto del giornalista Rai, il Napoli calcio ha deciso di vietare ai propri tesserati di rilasciare interviste all'emittente di stato. La risposta di Antinelli arriva subito:  "L’equazione è semplice, va in onda il filmato e il Napoli risponde prima col silenzio. Poi è arrivata la decisione di non rilasciare interviste alla Rai. Il tifoso medio azzurro ci perde due volte, perché è stato malmenato e poi perché non ha la possibilità di ascoltare le parole dei propri beniamini. Io ero presente al momento dell’alterco, il tifoso malmenato è stato corretto. Non c’è stato nulla di particolare".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog