Cerca

Serie A

Serie A, la Roma perde a Catania, Juventus campione d'Italia

Serie A, la Roma perde a Catania, Juventus campione d'Italia

La Roma consegna lo scudetto alla Juventus. Con una sonora sconfitta in casa del Catania per 4-1 i giallorossi anticipano di 24 ore la festa bianconera. Una Roma molle e poco grintosa è stata asfaltata dal Catania in lotta per la salvezza sotto i colpi di Izco (doppietta per lui), Berghessio e Barrientos. L'ultimo ad arrendersi è stato il capitano Francesco Totti che ha segnato l'unico gol sul tabellino per i giallorossi. Rudy Garcia ieri aveva annunciato la resa: "Complimenti alla Juve lo scudetto è suo". Adesso è arrivata l'ufficialità. Per la Juventus di Antonio Conte è il 30° scudetto della sua storia (ma a Torino festeggiano il 32° includendo anche i due revocati dopo Calciopoli). Il terzo consecutivo dell'era Conte. La Roma per tutto il campionato ha provato a tenere testa alla Juventus, ma l'organizzazione dei bianconeri e la panchina corta dei giallorossi hanno portato il titolo verso Torino. "Un’impresa ai limiti della perfezione, che rimarrà scolpita nella storia di questo club!", ha affermato Conte. La Juventus non vinceva tre campionati consecutivi dagli anni Trenta. Il titolo, comunque, è stato festeggiato con un brindisi veloce nel giardino dell'hotel per giocatori e allenatore, con un gruppo di tifosi che esultava all'esterno. "Oggi è speciale, è il mio primo scudetto con la Juve facendo la storia. E' incredibile - è la reazione a caldo di Carlos Tevez, raggiunto da Sky Sport - È una gioia incredibile per me e i miei compagni, ma mi aspettavo di vincere domani sul campo".

La foto-storia del campionato - Guarda la gallery

La festa della squadra - Guarda la gallery
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruggero

    05 Maggio 2014 - 13:01

    Ed il titolo, in borsa.........................festeggia !!??

    Report

    Rispondi

  • paolone67

    05 Maggio 2014 - 11:11

    Noi Juventini festeggiamo il 32mo scudetto, ma ci piacerebbe ri-festeggiare qualche coppa europea. Oggi la Juve è ahimé inidonea a competere a livello europeo. E ha ragione Capello che il nostro campionato non è sfidante. Spero che la Juve si attrezzi per il prossimo anno.

    Report

    Rispondi

blog