Cerca

Il ciclista in tv/VIDEO

La confessione annunciata di Armstrong:
"Mi sono dopato in tutti i sette tour"

Lance ospite dalla regina dei talk show ammette l'uso di sostanze illegali: senza quelle è impossibile vincere

La confessione annunciata di Armstrong: 
"Mi sono dopato in tutti i sette tour"

"Mi sono dopato in tutti i sette Tour vinti, senza il doping sarebbe stato impossibile vincerli. Non ho inventato io la cultura del doping ma non ho nemmeno cercato di fermarla". Epo, ormone della crescita, testosterone, doping ematico. Lance Armstrong non si è fatto mancare niente. Altrimenti non avrebbe mai conquistato sette Tour de France di fila tra il '99 e il 2005. L'ex corridore di Austin, 41 anni, dopo aver negato per tutta la sua carriera di aver barato, si arrende e confessa. Lo fa in una lunga intervista (due ore e mezza) a Oprah Winfrey, la signora della tv americana.

Guarda il video su Libero Tv

 

Le scuse - "Forse è troppo tardi, questa situazione è tutta una grande bugia che ho ripetuto tante volte. La storia era perfetta, era la storia di chi aveva superato una grave malattia, vinto il Tour, con un matrimonio perfetto, figli. Una storia perfetta ma non vera. Tutta la colpa è mia - riconosce Armstrong - doparmi era come gonfiare le ruote o mettere acqua nelle borracce, faceva parte del lavoro, non cerco scuse ma la vedevo così e ho preso le mie decisioni. Non capivo l'enormità della cosa e ciò che conta è che sto cominciando a comprenderlo. Capisco che la gente è arrabbiata, quella che ha creduto e tifato per me ne ha tutto il diritto, trascorrerò il resto della mia vita provando a riguadagnarmi la loro fiducia e scusandomi". 

Il cancro - Tutto è cominciato col cancro ai testicoli, "prima della diagnosi ero competitivo ma poi ho portato nel ciclismo l'atteggiamento spietato del vincere a tutti i costi che ho assunto combattendo la malattia", ma nega di aver mai costretto i compagni a imitarlo: "Ero il leader della squadra ma non c'è mai stato da parte mia un ordine diretto, non è mai successo. Eravamo tutti adulti e facevamo le nostre scelte, c'erano anche compagni che non si dopavano". Evasivo su come superasse i controlli ("all’epoca non erano molti i test fuori dalle competizioni per cui ti ripulivi per le corse"), ammette che solo in un caso ha avuto un aiuto, con un certificato medico retrodatato per una pomata che gli ha consentito di giustificare una positività agli steroidi al Tour '99. Per quanto riguarda invece la presunta positività al Giro di Svizzera 2001 che sarebbe stata insabbiata dall’Uci dietro una sua cospicua donazione (100 mila dollari nel 2005), l’ex corridore assicura che "non è vero, mi avevano chiesto un aiuto e l’ho fatto. Ma non c'era alcun test positivo, nessun incontro segreto, non sono un fan dell’Uci ma questa storia non è vera". Armstrong si dice ora pronto a collaborare con l’Usada, a presentarsi davanti all’eventuale commissione per la verità e la riconciliazione. "Ho sbagliato, ne sto pagando il prezzo e me lo merito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gisto

    19 Gennaio 2013 - 09:09

    Chi vince un Tour o un Giro dovrebbe essere sottoposto ad almeno 10gg di isolamento per esaminarlo da capo a piedi,poi,portarlo in trionfo se risulta negativo. Solo così si puo evitare che si avvii quella spirale che solo con il doping si può essere grandi e famosi.troppo pochi soni i Vincitori senza doping. Chissà perchè Gimondi era sempre secondo?

    Report

    Rispondi

  • mammagigi1

    18 Gennaio 2013 - 12:12

    si è sempre drogato per vincere e poi òpiange e chiede scusa: sospetto avesse le capacità mie di andare in bicicletta. questi tipi dovrebbero essere cancellati da tutto.

    Report

    Rispondi

blog