Cerca

Governo del pallone

Figc, Carlo Tavecchio eletto presidente: "Entro il 18 la squadra". L'idea: Alberto Zaccheroni ct della Nazionale

Figc, Carlo Tavecchio eletto presidente: "Entro il 18 la squadra". L'idea: Alberto Zaccheroni ct della Nazionale

Il nuovo presidente della Figc è Carlo Tavecchio. L'ex numero uno dei Dilettanti è stato eletto al terzo scrutinio, con il 63,33% dei voti, e dopo una giornata ad altissima tensione, soprattutto tra i presidenti della Lega di Serie A. L'altro candidato Demetrio Albertini si è fermato al 33,95%, mentre le schede bianche sono state il 2,42 per cento. "Grazie a tutti", è stato il commento a caldo di un commosso Tavecchio di fronte agli elettori. Nessun discorso, dunque, nessun "programma". Il 71enne dirigente sportivo lombardo (dal 1999 alla guida della Lega Nazionale Dilettanti) ha forse preferito evitare, sull'onda dell'emozione, altre gaffe in stile "Optì Pobà" e "stranieri mangiabanane". Cadute di stile che nelle ultime settimane hanno messo duramente a rischio una elezione che al momento della sua candidatura sembrava scontata.

La squadra del Tav - Preso respiro, passato qualche minuto, Tavecchio torna sul palco e, questa volta, è più loquace: "Oggi c'è stata una dimostrazione di grande serietà e comportamento di democrazia". Quindi ha ribadito quanto spiegato prima delle votazioni: "Desidero ringraziare coloro che mi hanno confermato la fiducia e fatto sentire il loro appoggio anche in momenti difficili. Vorrei ringraziare coloro che legittimamente hanno espresso valutazioni diverse. Sarò il presidente di tutti". Commosso, in lacrime, ha proseguito: "Con le parole non sono mai stato a mio agio. Le riforme possono farsi solo insieme, nel mio programma non esistono uomini della provvidenza o ricette magiche. Esiste invece la cultura del lavoro: senza perdere altro tempo invito tutte le componenti ad abbandonare divisioni e mettersi all'opera". Come annunciato dal neo-presidente, entro il 18 agosto verrà reso noto il resto della "squadra". Favoriti come vice-presidenti Claudio Lotito, patron della Lazio nonché grande sostenitore del fronte Sì-Tav, e Mario Macalli (dal 1997 presidente di Lega Serie C prima e Lega Pro poi, tra i primi sponsor di Tavecchio), mentre l'attuale dg di Coni Servizi Michele Uva diventerà direttore generale della Federcalcio.

Tavecchio in Lacrime: Guarda il video su Liberotv


Sorpresa: Zac - L'attesa degli appassionati italiani però va tutta alla scelta del commissario tecnico della Nazionale. In fortissima salita le quotazioni di Alberto Zaccheroni, ex ct del Giappone agli ultimi Mondiali, che potrebbe essere preferito ad Antonio Conte, Roberto Mancini e Francesco Guidolin. Alla vigilia dell'elezione era stata ventilata la candidatura del fresco ex allenatore della Juventus come coordinatore di tutte le selezioni. Tav, Mac, Zac: il pallone italiano potrebbe di colpo fare un balzo negli anni Novanta. Consoliamoci: almeno all'epoca quello italiano era ancora il movimento guida del mondo pallonaro. 


di Claudio Brigliadori
@piadinamilanese

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • michaelnagar

    12 Agosto 2014 - 15:03

    Fanculo tavecchio...come si fa a scegliere zaccheroni che e un fallito...mancini non piace perche non e un servo di quel deficente di lolito...ka solita italietta...che schifo...ma andate a fanculo

    Report

    Rispondi

  • rocc

    12 Agosto 2014 - 12:12

    sono anch'io rimasto sorpreso che stavolta non ha vinto il politicamente corretto, di Tavecchio non so niente e le frasi razziste che avrebbe detto per me non sono tali; però posso consigliargli di non parlare mai o quasi mai? l'ultima sua lamentela che non è glamour se la poteva evitare

    Report

    Rispondi

  • arwen

    12 Agosto 2014 - 09:09

    Cara ileana47, non è questione di essere ben pensanti, la cosa è ben più seria, il signor Tavecchio è un vecchio democristiano pregiudicato di 71 anni. E' stato vice presidente vicario della figic nell'era Abete (dove certo nn si è distinto per brillantezza di pensiero) ed è sponsorizzato da un presidente di serie A pregiudicato e condannato per frode sportiva. Questo hanno votato i nn benpensanti

    Report

    Rispondi

    • enricorivo

      12 Agosto 2014 - 14:02

      ..... con l'aggravante di aver sconfitto Albertini, sostenuto da una società pregiudicata e condannata alla cui guida si distingue per brillantezza di pensiero il suo presidente Andrea Agnelli

      Report

      Rispondi

  • Megas Alexandros

    12 Agosto 2014 - 08:08

    Del calcio non me ne può fregar de meno, di chi lo gestisce idem, dell'uscita sulle banane del neo eletto presidente fgci ancora men che meno... ma uno che singhiozzando ammette e si duole di non essere glamour.. beh uno così può essere definito solo un irrecuperabile pirla!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog