Cerca

Special One the end

Mou alla frutta, Casillas a Perez: "Buttalo fuori o noi ce ne andiamo"

Una bufera su Madrid. Il capitano dei blancos vuole la testa del tecnico. Il presidente è in difficoltà e non sa che fare. Intanto arriva anche Julio Cesar

Mou alla frutta, Casillas a Perez: "Buttalo fuori o noi ce ne andiamo"

Lo Special One, Josè Mourinho ormai è entrato in rotta di collisione con tutto lo spogliatoio del Real Madrid. Poche speranze per Mou di sedere sulla panchina blanca la prossima stagione. A scatenare l'inferno è stato il quotidiano sportivo Marca. Una prima pagina di fuoco che annunciava un diktat di Sergio Ramos e Casillas al presidentissimo Florentino Perez. I due giocatori avrebbero detto a Perez: "Presidente a giugno a o noi o Mou". Insomma o lo butti fuori o noi ce ne andiamo. Perez è andato su tutte le furie e non accetta un clima di alta tensione attorno alla Casa Blanca. In una infuocata conferenza stampa il presidente ha smentito ogni indiscrezione del quotidiano spagnolo e ha pure minacciato una cusa legale. A quel punto Casillias e Ramos stretti tra il presidente e il quotidiano hanno negato tutto e confermato la fiducia a Mourinho. Ma a quanto pare il malumore delle due colonne del Real è davvero forte. Anche due radio spagnole hanno riportato indiscrezioni che testimoniano come il capitano del Real e tutta la squadra hanno già scaricato lo Special One. Mou è sulla via del tramonto. Almeno a Madrid. E tra i blancos potrebbe arrivare uno dei suoi fedelissimi, Julio Cesar che per adesso è al Queen Park Rangers in Inghilterra. Insomma Mou sente la tensione e vuole farsi scudo rafforzando il suo clan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francescos

    25 Gennaio 2013 - 12:12

    Quando in una societa(qualsiasi)calcistica arrivano a comandare i calciatori decidendo chi va e chi resta questa societa é all'anarchia e questo si riperquotera anche in campo,ognuno per se!!Perche' anche chi arrivera dopo,non decidera niente,saranno sempre i calciatori a farlo,quindi se il presidente non vuol perdere le REDINI della SUA SQUADRA deve epurare chi si oppone alla diciplina,altrimenti questo la portera alla rovina,appunto tramite l'ANARCHIA.Mi chiedo come abbiano fatto miliardi questi capitalisti-presidenti se non son capaci di tenere loro il timone della loro societa e si fanno comandare da tre pidocchiosi arricchiti solo perche sanno tirare due calci.Incapaci ben gli sta'.

    Report

    Rispondi

blog