Cerca

L'incidente di Suzuka

Bianchi, la Formula 1 adesso si fermi

Bianchi, la Formula 1 adesso si fermi

Ora è il momento di riflettere. La paura quindi la rabbia e l'indignazione hanno fatto il loro corso e al momento non servono più. Il “J'accuse” era dovuto, meritato e indispensabile, ma non riporta indietro il tempo, non produce miracoli, non restituisce un ragazzo pieno di sogni dall'anima pulita.
Jules Bianchi è in un letto di ospedale, vive la sfida più difficile ed è solo. Poco è trapelato, però le immagini dello schianto che giustamente o ingiustamente sono state diffuse parlano, anzi urlano. Molti hanno definito il tutto una decapitazione, la situazione è chiara. Non si tratta più di mancanze (rilevate), errori (inconfutabili), decisioni (opinabili) o responsabilità (assunte?), ma di un uomo fragile e indifeso, di una famiglia spaventata e di una lezione che obbligatoriamente non deve finire nel dimenticatoio.

Montezemolo ha ragione: bisogna capire e forse fermarsi un attimo. L'alibi per cui le condizioni di Suzuka si sono verificate altre volte senza avere conseguenze non regge. Come detto da un collega, la parola “fatalità” non vale più la soluzione. E' necessario andare avanti, nel senso di migliorare e passare a un livello successivo. Gli addetti ai lavori dovrebbero guardarsi a quattrocchi e chiedersi se il gioco vale la candela, se la strada intrapresa è realmente quella che vogliono. La FIA, spalle al muro, ha aperto un'indagine, vedremo a cosa condurrà. Restano interessi troppo spesso avvezzi a tirare la corda al limite, indifferenti e incuranti dei valori umani. Resta la speranza che questa corda non si spezzi ancora e ancora, prima di smuovere reazioni e correre ai ripari, inevitabilmente tardivi.

di Giulia Volponi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • donluigi

    07 Ottobre 2014 - 21:09

    Sacrosante parole

    Report

    Rispondi

  • cecco61

    07 Ottobre 2014 - 19:07

    Solita ipocrisia di fronte alle tragedie. E' da tempo evidente che, se veramente si tiene alla sicurezza, vanno ripensati tutti i circuiti cominciando ad abolire tutti quelli cittadini (Montecarlo incluso), dotando gli altri di maggiori spazi di fuga e con mezzi che possano togliere le autovetture senza dover entrare sulla pista (ampio corridoio di servizio attorno a tutto il tracciato).

    Report

    Rispondi

blog