Cerca

Qualificazioni europee

Nazionale, Malta-Italia 0-1: decide un gol di Pellè, espulso Bonucci

Nazionale, Malta-Italia 0-1: decide un gol di Pellè, espulso Bonucci

Un gol del debuttante Pellè, tre legni, un'espulsione rimediata e tre punti: l'Italia vince 1-0 in trasferta a Malta nella terza partita del gruppo H delle qualificazioni europee, resta a punteggio pieno ma le buone notizie finiscono qui, anche perché la Croazia anche lei a 9 punti ci scavalca per la miglior differenza reti grazie al 6-0 all'Azerbaijan. A tre giorni dalla già non esaltante vittoria 2-1 proprio contro gli azeri, la squadra di Antonio Conte fa un deciso passo indietro contro la Cenerentola del girone: mancano velocità e determinazione messe in mostra, almeno quelle, contro gli ex sovietici. Di idee e schemi meglio non parlarne, anche perché va dato atto al ct che il suo progetto è all'inizio e non può fare miracoli. Di sicuro, però, la sufficienza e la leggerezza con cui gli azzurri hanno affrontato la gara in alcuni frangenti farà riflettere il commissario tecnico. "Bisognava fare di più in fase realizzativa - è il commento a caldo di Conte -. Possiamo fare ancora meglio e sono convinto che i 9 punti in classifica ci daranno fiducia. I ragazzi hanno dato quello che avevano. Sono 4 partite in un mese e mezzo, non abbiamo avuto grandi rischi e pericoli. Sono quattro vittorie che ci devono dare fiducia e morale. Attendo con grande voglia la gara con la Croazia".

Poche emozioni - Ad Attard Conte mescola un po' le carte: sugli esterni dentro Pasqual e Candreva al posto di De Sciglio e Darmian (che scala in difesa al posto di Ranocchia, insieme a Bonucci e Chiellini). In mezzo Verratti per Pirlo, con i confermati Florenzi e Marchisio al suo fianco. E davanti spazio ancora Immobile insieme a Graziano Pellè, bomber in Europa (con Az e Feyneoord prima, Southampton ora) ma mai profeta in patria. E proprio Pellè sfiora il vantaggio di testa nel primo tempo (traversa), pochi secondi prima che Chiellini centri il palo sempre su giocata aerea (cross in entrambi i casi dalla sinistra, dove Pasqual ha fatto meglio di Candreva). Al 23' altro cross dalla mancina, Bonucci devia in porta, il portiere maltese ribatte e nella mischia a due passi dalla linea risolve Pellè. La partita, di fatto, finisce qui. Verratti è poco ispirato, Immobile non brilla e dietro ci concediamo qualche disattenzione di troppo. E così nella ripresa l'idolo di casa Mifsud sfugge a Bonucci che lo strattona: rosso e Italia in 10. Malta è poca cosa e non impegna mai Buffon, il neo-entrato Giovinco centra il palo nel finale, così come successo a Palermo. Dettagli in una notte non memorabile, in attesa del prossimo incontro: lo scontro diretto contro la Croazia, il 16 novembre prossimo a San Siro.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • iose

    14 Ottobre 2014 - 00:12

    neanche a zappare la terra bene sarebbero capaci.Senza un 'idea in testa con la voglia di andare a dormiire presto. Vedremo quanti ne prenderanno dalla Croazia. E Conte che faceva il duro dov'è? Durante l intervista subito dopo la partita non ha avuto neanche il coraggio di ammettere la schifezza di 90 minuti squallidi patetici vergognosi indecorosi. VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

blog