Cerca

A Cancun

Scherma, Coppa del Mondo: fioretto d'Oro, Errigo e gli azzurri subito protagonisti

Scherma, Coppa del Mondo: fioretto d'Oro, Errigo e gli azzurri subito protagonisti

Il cerchio si chiude o si apre, a seconda dei punti di vista. Gli avversari cambiano, i maestri lasciano, gli atleti rimangono. Prima prova di Coppa del Mondo di scherma della stagione e subito quattro podi, due ori, un argento e tre bronzi. Arianna Errigo vince, si conferma regina implacabile, sottolinea il suo essere numero uno in ogni stoccata e in ogni affondo. Il fioretto è l'arma della sicurezza, quello femminile è la garanzia. Il ct Cipressa sa che ha per le mani un gruppo formidabile, difficilmente avvicinabile da qualsiasi rivale di turno. A Cancun, in Messico, stavolta manca la doppietta dorata (nella gara a squadre il dream team Errigo-Vezzali-Erba-Batini cade in semifinale alla Francia, prima sconfitta dal maggio 2013, ma agguanta il terzo posto ai danni delle americane) o il monopolio del podio, ma l'inizio è chiaro, le basi solide, le previsioni sicuramente rosee.

Gli uomini partivano per San Francisco con dei punti di domanda, reduci da una stagione altalenante e qualche delusione. La concorrenza è più agguerrita nel settore maschile e nuove realtà stanno via via consolidandosi. La risposta, però, dopo settimane di preparazione e attento lavoro non ha ammesso repliche: Baldini d'argento, Luperi e Nista di bronzo nell'assalto individuale vinto dal francese Cadot, oro per lo squadrone Baldini-Cassarà-Avola-Garozzo sulla Russia. Poche storie, dominio assoluto.

L'eccellenza della scuola schermistica italiana ha portato ogni anno a fughe di tecnici o a richieste di partnership da parte di federazioni estere. Questa stessa eccellenza ha tuttavia pure permesso una tradizione e una trasmissione, un equilibrio perfetto sia tra gli atleti che tra chi li segue, per cui nell'individualità si convive e si condivide, perché così perdura il miglioramento. Nonostante la competizione interna forte e non nascosta, il confronto, l'esempio, lo scambio è continuo e sinonimo di qualità crescente. Succede così che gli anni passino ma il tricolore continui a sventolare in alto e che tre livornesi (Baldini, Luperi e Nista) di scuole diverse raggiungano stessi traguardi prestigiosi. Nei prossimi week end scenderanno in pedana gli alfieri della sciabola e della spada. Intanto, il dado è tratto, la strada segnata, le ambizioni, come sempre per chi bazzica le pedane italiane, non vedono limiti.

di Giulia Volponi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog