Cerca

Caos nerazzurro

Terremoto all'Inter: Massimo Moratti si dimette da presidente onorario. Thohir: "Sono stupito"

Terremoto all'Inter: Massimo Moratti si dimette da presidente onorario. Thohir: "Sono stupito"

Clamoroso terremoto all'Inter: Massimo Moratti si è infatti dimesso dalla carica di presidente onorario del club nerazzurro. Assieme a lui, hanno lasciato la società milanese anche Rinaldo Ghelfi, Alberto Manzonetto e il figlio di Massimo Moratti, Angelomario. Nei giorni scorsi Moratti aveva avuto parole dure nei confronti del tecnico Walter Mazzarri: "Deve fare risultati, altrimenti per lui sarebbero guai...". Non è chiaro se siano stati questi contrasti, interni alla società, a causare l'addio di Moratti, presidente dell'Inter dal 25 febbraio 1995, dal 15 novembre 2013 presidente onorario (con l'arrivo di Erick Thohir).

Le prime reazioni - Erick Thohir si è detto "stupito" della decisione di Massimo Moratti. La situazione, nella dirigenza nerazzurra, sembra precipitata proprio in questi ultimi giorni: le frasi su Mazzarri (che secondo indiscrezioni hanno suscitato perplessità nello stesso Thohir), poi i dati sul bilancio (in rosso di 103 milioni di euro). La crisi in casa nerazzurra è esplosa proprio qualche ora prima della delicata sfida di Europa League contro il Saint Etienne, ma la convivenza tra il "nuovo" Thohir e la "vecchia guardia" di Moratti, non sembra che sia mai stata molto semplice (nonostante i sorrisi di facciata). Come si comporterà ora il club? E la squadra? E quale sarà la reazione dei tifosi? Già stasera arriveranno le prime risposte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • braff14

    24 Ottobre 2014 - 10:10

    Moratti, da gran furbetto qual'è (è stato capace di distruggere la Juve grazie alla manipolazione delle intercettazioni), fa finta di fare l'offeso e scappa via non appena si è saputo dei 103 milioni di deficit lasciati "in regalo" a Thohir! Ha sempre fatto imbrogli (vedi passaporti falsi e via dicendo) ed ha saputo sempre "mascherarsi" da persona perbene con la complicità dei giornalisti milanesi

    Report

    Rispondi

  • carlooliani

    23 Ottobre 2014 - 17:05

    Un fallito ed incapace con titoli di cartone che non valgono in nessun paese del mondo. Usare la giustizia per farsi dare dei titoli quando i suoi reati erano più gravi. Un impostore ed imbroglione, una vera bandiera del famoso "italian style" nel mondo: manipolare la giustizia sportiva per ottenere ciò che non si vince sul campo. Complimenti, degno presidente dell'Inter dei ladri.

    Report

    Rispondi

    • braff14

      24 Ottobre 2014 - 10:10

      Finalmente uno che ha capito chi effettivamente è......... "quel santo uomo" tanto incensato dai giornali milanesi. Giusto: un incapace, un impostore, un imbroglione, una canaglia della peggior specie, un miserabile! Speriamo che fallisca presto, nonostante il paccotto che ha fatto a Thohir!

      Report

      Rispondi

  • accanove

    23 Ottobre 2014 - 16:04

    mi viene ancora da ridere ricordando che sua sorella o chi per essa dichiarò che gli costava meno tenerlo li all'inter piuttosto di farlo lavorare nell'azienda

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    23 Ottobre 2014 - 16:04

    sai che perdita

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog