Cerca

Duello continuo

La Roma schianta l'Inter di Mancini: 4-2. Juventus nel segno di Pirlo: magia all'ultimo secondo, Torino ko

La Roma schianta l'Inter di Mancini: 4-2. Juventus nel segno di Pirlo: magia all'ultimo secondo, Torino ko

Una valanga di gol ed emozioni all'Olimpico per il posticipo della domenica sera. La Roma ne esce a testa altissima: l'Inter di Roberto Mancini viene battuta per 4-2, e i giallorossi continuano il loro inseguimento alla Juventus. Per la squadra di Rudi Garcia l'ingresso in campo non è dei più semplici: soltanto pochi minuti prima, infatti, Andrea Pirlo ha realizzato un pazzesco gol all'ultimo secondo nel derby in cui i bianconeri si sono imposti sul Torino. Una mazzata, per la Roma, che comunque parte forte: al 21esimo la rete di Gervinho. Quindici minuti dopo però, il pareggio di Ranocchia. Ma è nel secondo tempo che la gara sale di tono: subito in gol Holebas per i giallorossi, al secondo minuto, ma al 12esimo Osvaldo gela l'Olimpico con il due a due. Il vantaggio però dura soltanto tre minuti: in rete ci va Pjanic, che poi replica al 47esimo, doppietta personale e un 4-2 che tiene ben vive le ambizioni tricolori della Roma.

Juve all'ultimo - Un tiro di Andrea Pirlo al 93’ e la Juve, in 10 contro 11, vince 2-1 il derby col Torino. Incredibile finale allo Stadium: vantaggio bianconero con Vidal su rigore, pari di Bruno Peres con un gol che resterà negli annali ma allo scadere magia di Pirlo da tre punti: Juve a +6 sulla Roma in attesa del big match con l'Inter. Forfait dell’ultimo minuto per un problema alla spalla di Buffon, fra i pali va Storari. Torna titolare Evra a sinistra mentre Vidal gioca a supporto di Tevez e Llorente. Toro offensivo con Amauri e Quagliarella in avanti ed El Kaddouri in mezzo con Gazzi e Vives. I granata partono bene e, dopo un colpo di testa alto di Llorente, impegnano Storari con Quagliarella su calcio piazzato. Al 13’, però, punizione di Pirlo dal limite, El Kaddouri intercetta col gomito alto e Orsato indica il dischetto. Vidal batte due volte (troppi uomini in area nella prima occasione) e per due volte non sbaglia.

La beffa - Ma al 23’ incredibile coast to coast sulla destra di Bruno Peres, che parte dalla sua area, si beve Pogba, Evra e Vidal e arriva dall’altro lato (78 metri percorsi) lasciando partire un destro che vale l’1-1: il Toro non segnava in un derby dal 2002. Nel finale di tempo Juve vicina di nuovo al gol ma né Vidal, né Tevez centrano la porta. Nella ripresa, bianconeri subito pericolosi ancora col cileno (colpo di testa alto) ma al 7’ Quagliarella sfiora il raddoppio su cross basso di Amauri dalla sinistra: palo esterno. Ci prova Bonucci dalla distanza, Gillet si oppone, Allegri inserisce Morata e Pereyra per Llorente e Marchisio. Al 32’ ancora in gol Vidal ma l’arbitro annulla giustamente per fuorigioco. E un minuto dopo Lichtsteiner rimedia il secondo giallo. Finale concitato, poi al 93’ gran tiro di Pirlo da fuori e Juve vittoriosa.

LA CLASSIFICA

Juventus 34
Roma 31
Genoa 23
Napoli 22
Sampdoria 21
Milan 21
Lazio 20
Fiorentina 19
Udinese 18
Sassuolo 18
Inter 17
Palermo 17
Empoli 14
Verona 14
Torino 12
Cagliari 11
Atalanta 11
Chievo 10
Cesena 8
Parma 6

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • primus

    30 Novembre 2014 - 20:08

    Ho appena visto il gesto di Ventura verso un tifoso del to ro che contestava la sconfitta, l gesto eloquente un dito sula gola portato da sinistra vesto destra,, tipo isis. Ma che messaggio ha mandato ? questo va radiato in men che non si dica chiedendo pure i danni per i tanti minorenni che hanno dovuto vedere quel gesto

    Report

    Rispondi

blog