Cerca

La grande sfida

Orchidee, acqua fredda e profumi: la riabilitazione di Schumacher

Orchidee, acqua fredda e profumi: la riabilitazione di Schumacher

"La terapia durerà almeno tre anni". Parola di Jean-François Payen, il luminare di Grenoble che da circa un anno segue la riabilitazione di Michael Schumacher dopo l'incidente sugli sci a fine 2013. Il pilota prosegue il programma di riabilitazione nella villa sul lago Lemano. Tra il profondissimo blu delle orchidee della Birmania, forse il profumo della Bauhinia Blakeana dai fiori violacei e il vento ghiacciato, Schumi prova a tornare a vivere. Lo portano ogni mattina. Poi escono, i medici, gli infermieri e lui sulla sedia a rotelle, nel freddo dell’inverno. Si chiama “ outdoor therapy ”: ogni stimolazione sensoriale tenta di rischiarare il buio che c'è nella testa del campione. Due disperate operazioni al cervello, quasi sei mesi di coma a Grenoble, poi il trasferimento al Centre Hospitalier Universitaire Vaudois di Losanna e, dal 10 settembre, il ritorno nella principesca tenuta La Réserve di Gland. Una villa diventata clinica, 12 milioni di euro per allestire il reparto in cui lavorano a turno 15 specialisti: la chiamano “la squadra”. Sono neurologi, fisioterapisti, logopedisti: se qualcuno sgarra o parla troppo, viene licenziato in tronco. Li guida uno dei massimi esperti mondiali del cervello umano, il professor Richard Frackowiak, londinese di origini polacche, un uomo che ha scritto più di 400 testi per svelare un mistero di un chilo e trecento grammi di peso, forse il centro dell’universo, il punto più alto dell’evoluzione della specie, un miracolo e un labirinto. La squadra ha portato nella villa di Schumacher una serie di macchine per stimolare i movimenti neuro-muscolari, compreso un robot che prova a far camminare il pilota. Ma sarà un viaggio lunghissimo. "Almeno tre anni", ha ripetuto il professor Jean-François Payen. E Jean Todt, l'amico di sempre crede nella sfida: "Sono certo, ce la farà". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rosanna.iaffaldano

    27 Dicembre 2014 - 18:06

    Penso che si tratti comunque di una vita che ha lottato tanto,a prescindere dal vil danaro, che ben venga il ritorno del grande campione, sarebbe una vincita per lui, per i medici e la ricerca. Buon anno campione, facci sognare come hai sempre fatto. Buon anno a tutti

    Report

    Rispondi

  • soresina

    soresina

    27 Dicembre 2014 - 10:10

    Tanti auguri a Schumacher, ma quelli nelle stesse condizioni che non si possono permettere tutto questo?

    Report

    Rispondi

    • Garrotato

      27 Dicembre 2014 - 17:05

      Ognuno ha il suo destino, soresina...Buon per lui se riesce a farcela, e quelli che non possono permettersi tutto questo hanno, anche loro, il loro destino. Migliore? Peggiore? E chi può dirlo? Auguri a Schumi, e anche a lei per il nuovo anno.

      Report

      Rispondi

      • soresina

        soresina

        27 Dicembre 2014 - 18:06

        garrotato:Buon anno anche a lei

        Report

        Rispondi

blog