Cerca

Ex Barça e Milan

Ronaldinho, in Messico è un caso: "inutile" in campo e scatenato in discoteca, il triste tramonto al Queretaro

Ronaldinho, in Messico è un caso: "inutile" in campo e scatenato in discoteca, il triste tramonto al Queretaro

Dei bei tempi di Barcellona Ronaldinho ha mantenuto solo una qualità: quella di sapere come divertirsi in discoteca, una volta finita la partita. A 34 anni, il funambolico brasiliano ha pensato bene di svernare in Messico, nel Queretàro, ma sta raccogliendo figuracce e insulti. Rendimento scadente, aggettivi poco carini come "inutile" e "insignificante", mancate convocazioni in una squadra che anche a causa sua è precipitata al penultimo posto della Clausura del massimo campionato messicano. I quotidiani locali parlano di notti brave, allenamenti saltati (dopo essersi presentato in ritiro con tre  settimane di ritardo sollevando un vero e proprio giallo internazionale per la sua "scomparsa") e un rendimento insoddisfacente, con 18 presenze complessive e soli quattro gol a referto. Il suo contratto scade nel 2016 ma è quasi impossibile che venga rispettato, anche perché nel frattempo come scrive Gazzetta.it il fratello-agente dell'ex milanista, campione del mondo 2002 in Giappone e Corea, starebbe già cercando una squadra nella ricca Mls americana. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog