Cerca

Italiane in coppa

Europa League, Inter ko con il Wolfsburg. Il Toro sfiora l'impresa: 1-0 allo Zenit

Europa League, Inter ko con il Wolfsburg. Il Toro sfiora l'impresa: 1-0 allo Zenit

Niente rimonte: Inter e Torino fuori dall'Europa League. I nerazzurri, sconfitti anche in casa dal Wolfsburg per 2-1, recriminano sui propri errori difensivi mentre ai granata va solo un grande applauso per l'1-0 allo Zenit, una impresa sfiorata.

Ciao Mancini - A San Siro contro il Wolfsburg secondo in Bundesliga gli uomini di Mancini devono recuperare l'1-3 subito in Germania. Partono forte ma concedono subito contropiedi sanguinosi, con Juan Jesus e Ranocchia spesso fuori posizione e Carrizo decisivo di Dost. A metà tempo, in un minuto, cambia la partita: prima il portiere svizzero Benaglio, migliore in campo per i suoi, salva su Icardi, poi Caligiuri segna su cross di De Bruyne. Colpo durissimo che l'Inter assorbe a fatica. Guarin sbatte ancora su Dost, così come Palacio, che si rifà a metà ripresa pareggiando su assist di Hernanes. Il brasiliano, insieme a Kovacic, è una delle delusioni della serata, servono due gol per i supplementari ma alla fine è il neoentrato Bendtner, ex Juve, a infilare il 2-1 che certifica la superiorità dei tedeschi e le lacune di un'Inter troppo altalenante e sbilanciata.

Torino, gioia e illusione - Delusione anche all'Olimpico: contro lo Zenit San Pietroburgo di Villas Boas il Toro deve recuperare due gol e ci prova, spreca con Quagliarella, passa con Glik ma il gol viene annullato. Gli uomini di Ventura annullano le differenze tecniche con i russi, decisamente superiori, e al 90' si scatena l'inferno: segna ancora capitan Glik, specialista di testa, e questa volta è buono. Serve il 2-0 per pareggiare il ko dell'andata ma Lombaerts salva sulla linea su Maxi Lopez al 92'. Sarebbe stata l'apoteosi del cuore granata, invece è il solito, maledetto "tremendismo" che affossa i sogni quando sono a un passo. Ma la campagna europea 2014/15 passerà comunque alla storia.

Fiorentina e Napoli avanti - Restano due le squadre italiane in corsa ai quarti: oltre al Napoli (0-0 con la Dinamo Mosca), la Fiorentina ha fatto fuori la Roma in un derby che verrà ricordato per l'umiliazione dei giallorossi, sempre più in crisi e sconfitti in casa 3-0, trai fischi e gli insulti dei propri tifosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog