Cerca

Il commento

Ferrari, Valentino Rossi e Ducati: Rosso di sera, bel tempo si spera

Ferrari, Valentino Rossi e Ducati: Rosso di sera, bel tempo si spera

Rosso di sera, bel tempo si spera. Finisce così il fine settimana da leoni dei motori italiani: in rosso. Qualcosa che è più di un colore, ma una marchio identificativo, un certificato di qualità, un simbolo di eccellenza. Dal sabato alla domenica, dalle qualifiche alla gara, è un alternarsi di esultanze e apprensioni, perché nonostante la solidità mostrata in pista permane la paura di una realtà capace di oltrepassare il sogno. Sebastian Vettel su una rossa, Valentino Rossi davanti a due rosse sono la chiusura di un cerchio perfetto esclusivamente italiano, che proprio nel nome e nella veste ritrova l'orgoglio e la passione di cui è fatta spesso poca mostra.

Si intravedono buoni progetti, basi di sostanza, per cui il felice trionfo tricolore, con l'apoteosi del podio monopolizzato in MotoGp, non pare un semplice fuoco di paglia. E' solo l'inizio, per le due ruote addirittura l'esordio, e sbilanciarsi eccessivamente è controproducente, anche per la presenza di una nutrita e forte concorrenza. Tuttavia, l'immaginazione ha già subito il primo sorpasso e con la mente alla tradizione del cavallino, alle meraviglie tecnologiche di cui è stata capace Borgo Panigale, a un eterno ragazzino dalle infinite sorprese nulla è più scontato, tutto è in gioco.
Si ritorna così al punto di prima, a una speranza di ritrovato protagonismo e concrete ambizioni di competitività. Ancora una volta: Rosso di sera, bel tempo si spera.

di Giulia Volponi

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    30 Marzo 2015 - 17:05

    Vorrei ricordare che le due Ducati non potevano montare, per regolamento, gomme dure, e che sono arrivate tutt'e due con l'anteriore "alla frutta", altrimenti non so come sarebbe andata... Ma verranno piste meno calde.

    Report

    Rispondi

blog