Cerca

Parla l'ad

Milan, Adriano Galliani: "La cessione è tutt'altro che cosa certa"

Adriano Galliani

Della cessione del Milan, dopo Marina Berlusconi, ora parla anche Adriano Galliani. All'assemblea degli azionisti rossoneri, premette: "La cosa che più preme a Silvio Berlusconi è il bene del Milan". Dunque rivela: "La cessione è tutt'altro che cosa certa, se sarà fatta, lo sarà per il bene del Milan". Dunque niente di sicuro, nonostante quanto si scrive e si legge, almeno stando alle parole dell'ad Galliani, che raffredda - almeno un poco - sia la pista thailandese di Mr. Bee sia quella cinese di Mr. Lee. Poi, però, a Galliani scappa una frase che sembra quasi far pensare all'addio (di sicuro a quello di Berlusconi): "Mai si erano vinti tanti trofei nella storia del Milan, abbiamo vinto 28 trofei, un periodo straordinario con 8 finali di Champions. In questi stessi anni nessun altro ci è riuscito".

Parola alle cifre - Agli azionisti che si lamentavano facendo paragoni con l'era Farina, Galliani ha risposto così: "Fininvest ha investito cifre iperboliche portando il Milan a risultati straordinari fino a uno o due anni fa e ha il diritto-dovere di gestire la società, non è tenuto a cogestire con gli stakeholder". Il bilancio, però, è tutt'altro che roseo: la perdita è di 91,3 milioni, e su questa cifra gli esoneri pesano per 7,5 milioni di euro. "Con i criteri consueti nella redazione del bilancio la perdita sarebbe stata di poco superiore ai 46 milioni di euro. Due eventi non ricorrenti - ha sottolineato Galliani - hanno determinato l'innalzamento del passivo, ossia la mancata qualificazione alla Champions League e la diversa contabilizzazione fiscale da Fininvest a Milan".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • scorpio53

    29 Aprile 2015 - 14:02

    ci fosse un'azienda con i coglio...(veramente un paio ce li hanno: vedi il geometra, pippo e il suo vice) gli farebbero pagare i danni, altro che liquidazione!!!! Con i milioni che si sono incassati, tra sponsor e vendita di campioni, come ha fatto il pelato in tre anni a fare anche 360 milioni di debiti???? Quando qualcuna fallisce a causa dei propri demeriti, deve metterci la faccia e il porta

    Report

    Rispondi

  • marco53

    29 Aprile 2015 - 01:01

    Lo zio Fester ha paura che non gli paghino la liquidazione? Pezzente, ha portato il Milan allo sfascio, assieme al suo padrone berlusconi, con la b minuscola! Sono 6 o 7 anni che celebrano le vittorie del passato, ignorando che il Milan stava andando a fondo. Adesso che c'è finito, Berlusconi vuole imbottare il massimo, ma non tiri troppo la corda, perchè questi non sono degli cretini, capito!

    Report

    Rispondi

blog