Cerca

La chiamata atomica

Calcioscommesse, l'ex ds Vittorio Galigani accusa Claudio Lotito: "Ricatti Macalli e Tavecchio"

Claudio Lotito

Un nuovo scandalo travolge il calcio italiano: scommesse, sempre scommesse. Nel mirino le partite di Serie B, "le più importanti", e a cascata tutti, o quasi, i campionati italiani. E' quanto emerge dall'inchiesta della direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che coinvolge decine di club sportivi e di dirigenti: in una maxi-retata sono scattati 50 arresti. Circa 30 le squadre coinvolte, 70 gli indagati e, sullo sfondo, l'ombra della 'ndrangheta. Secondo quanto affermato dal procuratore di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo, tre cittadini serbi avrebbero finanziato il giro di scommesse in Italia. Gli stessi avrebbero poi avuto "influenza" sul calcio cinese, su alcuni campionati di basket e su alcuni tornei di tennis internazionali. Ma, come detto, soprattutto avrebbero "taroccato" i risultati del campionato di Serie B. O quantomeno avrebbero provato a farlo.

Lotito nel mirino - E mentre il clima è incandescente, emergono anche le prime intercettazioni. Intercettazioni che puntano in alto, molto in alto. Le accuse sono contro Claudio Lotito, presidente della Lazio, considerato oggi uno dei dirigenti più potenti del pallone italiano. A parlare e ad accusare al telefono è Vittorio Galigani, ex ds di diverse squadre dalla Serie A alla Serie C e oggi editorialista della rivista online TuttoLegaPro.com. Al telefono con il ds de L'Aquila, Ercole Di Nicola, spara: "Macalli e Tavecchio (presidente della Figc, ndr) sono due rincoglioniti...in mano a Lotito, che li ricatta". La telefonata, agli atti dell'inchiesta, risale al 15 gennaio scorso, il giorno in cui Galigani (che non risulta indagato) aveva postato sul suo sito un commento in cui, secondo gli inquirenti, "lamentava una diffusa quanto generale atmosfera di prevaricazione e malaffare imperante in seno agli organi di potere della Lega Pro". Concetti che, nei fatti, ribadisce al telefono con il Ds Di Nicola (tra gli arrestati). Una dura accusa contro Lotito, dunque, dal quale si attendono repliche. In tutto ciò, Tavecchio afferma che la Figc è "parte lesa". "Ci dichiariamo parte lesa per quanto sta succedendo - dichiara Tavecchio - perché continuiamo a subire tutte le situazioni del Paese. Il calcio non viene aiutato da questi scandali. Noi siamo un soggetto che vuole difendere il sistema da certe cose ma i nostri mezzi non sono all'altezza", ha concluso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    20 Maggio 2015 - 09:09

    No, questa storia nn svia nulla, anzi è in tema con la situazione di degrado che sta vivendo il paese, di cui i vitalizi sono solo un elemento. In quale paese civile viene permesso a un signore pregiudicato in sede penale e condannato dalla giustizia sportiva nn solo di essere proprietario e presidente di una società, ma di sedere anche nella stanza dei bottoni? Il malaffare in Italia è diffuso!

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    19 Maggio 2015 - 21:09

    La solita notizia per sviare l'attenzione dell'opinione pubblica dall'inchiesta giornalistica sui vitalizi e i papponi di Stato!!Dalle pensioni!!Dai migranti!!Continuate non deludeteci!!!

    Report

    Rispondi

  • satanik

    19 Maggio 2015 - 19:07

    .... che strano, qui il nome di Galliani non compare. Chissà perché?

    Report

    Rispondi

  • filen

    filen

    19 Maggio 2015 - 18:06

    Ormai in questo paese di merda sono ben pochi quelli che si salvano d altronde sono le stesse leggi che ti permettono di delinquere

    Report

    Rispondi

blog