Cerca

La mossa

Calcio femminile, non si giocherà la finale di Coppa Italia di sabato prossimo. Si pensa anche di uscire dalla Lega dilettanti

0
Calcio femminile, non si giocherà la finale di Coppa Italia di sabato prossimo. Si pensa anche di uscire dalla Lega dilettanti

È tempo di decisioni drastiche nel calcio femminile. La finale di Coppa Italia fra Brescia e Tavagnacco del 23 maggio non si giocherà, e si sta pensando di uscire dalla Lega Nazionale Dilettanti. Le calciatrici, le allenatrici e gli allenatori in rappresentanza delle squadre di serie A e B si sono riuniti e hanno infatti deciso che “ferme restando le necessarie dimissioni del presidente Belloli, è giunto il momento, dopo 30 anni di inefficienza e immobilismo, di dare autonomia al calcio femminile uscendo dalla Lega Nazionale Dilettanti”.

La frase dello scandalo – Tutto è nato il 5 marzo scorso con una frase razzista di Felice Belloli, numero uno della Lega nazionale dilettanti e successore di Tavecchio. In occasione del Consiglio direttivo del dipartimento del calcio femminile aveva infatti detto che per le ragazze di soldi non ce ne sono: "Basta, non si può sempre parlare di dare soldi a quattro lesbiche...". Una frase che ha portato anche all'apertura di un'inchiesta da parte della procura federale della Figc.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media