Cerca

Terremoto

Fifa, arresti dell'Fbi per funzionari: corruzione, riciclaggio e frode telematica sull'assegnazione di due Mondiali. Sepp Blatter indagato

Fifa, arresti dell'Fbi per funzionari: corruzione, riciclaggio e frode telematica sull'assegnazione di due Mondiali. Sepp Blatter indagato

Diversi funzionari della Federcalcio mondiale sono stati arrestati in Svizzera, dove c'è la sede principale, su richiesta degli Usa. Per tutti l’accusa è corruzione, riciclaggio di denaro sporco, frode telematica. L’inchiesta riguarda due decenni di pratiche ai vertici dell’organo di governo del calcio mondiale, comprese le gare per l’assegnazione di due Coppe del Mondo. Si sta abbattendo uno tsunami contro la Fifa e il suo presidente Sepp Blatter, proprio nel giorno in cui i vertici mondiali del calcio si sono riuniti a Zurigo per il primo giorno del congresso annuale. Non una giornata qualsiasi per la politica del calcio, visto che oggi si affrontano il presidente uscente Blatter e il principe giordano Ali bin Al Hussein per la rielezione.

Il blitz - Gli agenti svizzeri in abiti civili, si sono fatti dare le chiavi delle stanze dalla consierge e sono saliti direttamente ai piani per procedere agli arresti. Nessuno ha opposto resistenza e un paio di funzionari sono usciti dall’albergo senza manette. Blatter non risulta incriminato, ma l’inchiesta è sicuramente un brutto colpo alle sue speranze di rielezione. Il voto si terrà venerdì e Blatter si gioca il quinto mandato. La notizia dell’operazione è stata data dal New York Times secondo cui La magistratura americana indaga su pratiche di:
"corruzione diffuse negli ultimi venti anni". Nel mirino, oltre all’aggiudicazione della sede di due Mondiali, anche gli accordi di marketing e di sfruttamento dei diritti televisivi delle kermesse. L’operazione ha preso di mira una decina di persone, anche componenti del potente comitato esecutivo della Fifa, uomini che hanno un potere enorme e svolgono la loro attività in gran parte in segreto. Tra di loro, sempre secondo il New York Times, Jeffrey Webb, delle Isole Cayman, uno dei vicepresidenti del comitato esecutivo. Eugenio Figueredo,
Uruguay, anche lui vicepresidente e fino al 2014 presidente della Conmebol, l’associazione di calcio sudamericana; e Jack Warner, di Trinidad e Tobago, ex membro del comitato e presidente della Concacaf tra il 1990 e il 2011.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antcarboni

    28 Maggio 2015 - 09:09

    Ma questo signore non si rifiutò di partecipare alla consegna della coppa del mondo alla squadra di Lippi? Sarebbe ora che il calcio venisse sospeso per almeno dieci anni: violenza, scommesse regolari o no, corruzione ai vertici dirigenziali mondiali e per finire mondiali in Qatar. Nazione che pare sia dietro alla violenza mussulmana e campione dei diritti umani, chissà quanto hanno sborsato?

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    28 Maggio 2015 - 00:12

    Quello che mi sfugge è come la FBI possa agire all'esterno degli USA. Mi pareva che il suo ambito fosse il territorio nazionale nentre la CIA quello esterno. C'yquakcosa di poco chiaro, poi col calcio che negli USA è seguito pochissimo. Molto stranoe

    Report

    Rispondi

    • zhoe248

      28 Maggio 2015 - 10:10

      Meno male, qualcuno che non si ferma all'apparenza. Purtroppo tanti polli continuano a guardare il dito e dietro il dito il pallone che nasconde la Luna. I manipolatori delle menti sono bravi, sanno che l'argomento corruzione nel calcio avrebbe attratto l'attenzione dei polli coprendo il vero obiettivo, la Luna: ovvero sospendere Russia 2018 x provocare e danneggiare Putin.

      Report

      Rispondi

  • frabelli

    27 Maggio 2015 - 19:07

    E questo vorrebbe essere rinominato? BASTA!!!

    Report

    Rispondi

  • cabass

    27 Maggio 2015 - 16:04

    Sbattete dentro lo svizzeraccio malefico e buttate la chiave!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog