Cerca

Al voto al voto

Fifa, si vota su Sepp Blatter. Lui: "Un cataclisma, tempismo sospetto"

Sepp Blatter

Parla Sepp Blatter, nel giorno della sua (probabile) rielezione al vertice Fifa, subito dopo lo scandalo che ha travolto i vertici del pallone mondiale. Parla e definisce i fatti degli ultimi giorni "un cataclisma". Blatter, nella riunione di Zurigo, aggiunge che "ora serve l'unità nel mondo del calcio", un'unità, si suppone, necessaria a blindare la sua posizione, più precaria che mai. Aprendo il congresso Fifa, ha spiegato che negli ultimi giorni "si era ipotizzato un rinvio. Sono felice di vedere che tutte le federazioni sono presenti". Dunque Sepp tenta un contrattacco, e "sposando" la linea-Putin (che sostiene che dietro allo scandalo ci siano gli interessi degli Stati Uniti), lascia intendere che il tempismo dell'inchiesta dell'Fbi potrebbe essere sospetto: "Chiaramente - spiega - non è positivo che tutto questo sia accaduto poco prima delle elezioni. Non voglio parlare di una coincidenza, ma tutto è possibile", ha aggiunto sibillino. Dunque, sui Mondiali 2018 e 2022, nel mirino dell'indagine, aggiunge: "Le assegnazioni sono state ratificate, ma possono di nuovo essere messe in discussione".

Lo sfidante - Ora, occhi puntati sul voto. Il nuovo presidente Fifa verrà eletto nel tardo pomeriggio, o in prima serata. Il duello è tra Blatter (favorito, ma in caso di rielezione il suo "regno" potrebbe presto crollare) e il principe Ali bin Al-Hussein. Alla votazione parteciperanno tutte le 209 federazioni. Nel frattempo, all'esterno dell'Hallenstadion di Zurigo, due manifestazioni hanno raccolto un gran numero di persone: da un lato simpatizzanti palestinesi che chiedono l'esclusione di Israele dalla federazione internazionale; dall'altro diverse organizzazioni che protestano contro il Mondiale in Qatar, puntando il dito contro l'abnorme numero di operai morti nel corso della costruzione degli stadi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miacis

    29 Maggio 2015 - 16:04

    Due candidati entrambi con alcune caratteristiche in comune: non hanno mai giocato a calcio,non hanno mai allenato,mai stati presidenti di una società di calcio; in breve non capiscono un caxxo di calcio!

    Report

    Rispondi

blog