Cerca

Milan

Mihailovic fa fuori Tassotti: non sarà lui il suo vice

Mihailovic fa fuori Tassotti: non sarà lui il suo vice

L'interista Mihajlovic fa fuori milanisti come piovesse. no, non parliamo di Inzaghi, che quello è già andato. Ma, se vogliamo, di un pezzo molto più grosso di lui, un vero e prorpio mostro sacro rossonerso. Uno che a Milanello, tra campo e panca, c'è dalla bellezza di venticinque anni. Si tratta di Mauro Tassotti, romano di nascita milanese, anzi milanista d'adozione. In maglia rossonera è arrivato nell'80, prima di appendere gli scarpini al chiodo e occuparsi di panchina: la primavera e poi, dal 2000 la prima squadra. Al posto di Alberto Zaccheroni nel marzo 2001 e quindi, dalla stagione successiva, vice. Vice di Ancelotti, vice di Allegri, vice di Seedorf, vice di Inzaghi. Sempre al fianco dei condottieri con la sua esperienza, la sua determinazione e la sua pacatezza. Ma, pare ormai per certo, che l'anno prossimo non sarà più così. Sinisa Mihajlovic, infatti, avrà al suo fianco qualcun altro. Di certo non Mauro Tassotti, che di occasioni per prenersi in mano la squadra, di vere, non ne ha forse mai avute. Un altro pezzo di quel Milan di invincibili che se ne va. Nella speranza, dei tifosi, che quello nuovo ci si avvicini anche solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oberland

    05 Giugno 2015 - 10:10

    Non guarderò mai più il milan neanche morto!

    Report

    Rispondi

  • danianto1951

    05 Giugno 2015 - 10:10

    Tassotti doveva andarsene da tempo. Da più anni la squadra è fuori controllo e sotto livelli accettabili per prestazioni anche fisiche. Lui ha fallito negli ultimi anni più cegli allenatori. Aria nuova alla faccia della redazione sportiva di Libero notoriamente tifosa anzi arcitifosa dell'Inter

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    04 Giugno 2015 - 23:11

    Io farei fuori prima lo slavo di Tassotti. Ancora mi devono spiegare perché hanno ingaggiato quell'odioso individuo. Basta: da oggi la mia squadra del cuore è bianco-azzurra e ha un'aquila come simbolo. Col Milan ho chiuso.

    Report

    Rispondi

    • danianto1951

      05 Giugno 2015 - 10:10

      sei il proprietario o un azionista della società per pretendere le spiegazioni? Ma via a zappare il mare.

      Report

      Rispondi

  • ulanbator10

    04 Giugno 2015 - 22:10

    Non sono milanista,anzi non seguo' il calcio neppure in televisione ,se non occasionalmente, dal 1999. Non sono quindi un esperto.Credo che il problema del Milan non è l'allenatore,ma le centinaia di milioni di euro che qualcuno(non Berlusconi,perché non lo farà)dovrà sborsare per fondare una vera squadra vincente.Anche perché la Madonna di Lourdes,come Ancellotti,non potrà allenare il Milan.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog