Cerca

Rinnovamenti

Milan, ecco i primi nomi per la nuova squadra di Mihajlovic: da Ibrahimovic a Soriano

Milan, ecco i primi nomi per la nuova squadra di Mihajlovic: da Ibrahimovic a Soriano

L’ultimo tassello ormai è stato aggiunto e il quadro è completo. Con il comunicato ufficiale del Milan e l’esonero di Pippo Inzaghi da allenatore della prima squadra, Sinisa Mihajlovic è a tutti gli effetti il leader dello spogliatoio rossonero. Ed ha già cominciato la sua rivoluzione. Se in casa Berlusconi non si è presentato con una lista della spesa definitiva, qualche nome (quelli principali) già li ha chiari in testa. Dai top player alle giovani promesse, il serbo non ha fatto richieste impossibili. Per la gioia di Galliani.

La nuova squadra - Il nome che più sta circolando è quello di Zlatan Ibrahimovic. Le speranze sono state riaperte da quando il giornale francese FranceFootball ha fatto sapere che il giocatore svedese se ne vuole andare dal Psg, con una squadra che sta pensando a Tevez e magari alla cessioni di Verratti.  In più l’ingaggio non sarebbe impossibile, si pensa a un offerta di 7/8 milioni e a un ingaggio che è ancora da definire. Ma Galliani è sempre rimasto in contatto con Ibra, che tra l’altro ha già avuto modo di conoscere Mihajlovic. Se non fosse possibile procedere con lo svedese, c’è già il piano B: Mario Mandzukic. Il centravanti dell’Atletico Madrid è già stato contattato da Galliani, e a Sinisa piace, eccome. Dopo i “vecchi”, largo ai giovani. Il Milan ha già offerto 4 milioni per José Mauri, classe ’93, ottima stagione al Parma, mentre Mihajlovic ha espresso la volontà di portare con se in rossonero due sampdoriani doc: Soriano e Obiang. Ci sono speranze anche per Bertolacci e Romagnoli, ma sarà molto difficile strapparli al Genoa e alla Roma. Più probabile invece l’affare di Kucka, con il contratto in scadenza a giugno 2016 e non ancora rinnovato: Galliani si sarebbe già messo in contatto con Preziosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pulraf

    06 Giugno 2015 - 10:10

    Ma non doveva essere un Milan italiano? Stranieri, stranieri e ancora stranieri. Tutti gli allenatori (Tabarez, Terim, Seedorf) stranieri al Milan, tranne Liedolm, hanno fatto flop, esonerati prima che finisse il girone di andata. Sono deluso, preferivo Donadoni o Sarri e una squadra fatta da giovani campioni italiani. Con Galliani non c'è niente da fare. Hanno preso in casa un nemico.

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    06 Giugno 2015 - 00:12

    Romagnoli credo provenga dalla scuola Milan ...,ceduto a suo tempo al Pescara ...come con Darmian...dei somari a vendere questi giovani...

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    06 Giugno 2015 - 00:12

    Mihajlovic in tuta mimetica come il comandante Arca , noto rivoluzionario serbo ultranazionalista , simile carattere ....li farà correre come dei marines , lo immagino Montolivo con un razzo nel b.d.c....come correrà a centrocampo

    Report

    Rispondi

  • delfino47

    05 Giugno 2015 - 23:11

    Speriamo che Berlusconi ascolti il bugiardo !

    Report

    Rispondi

blog