Cerca

Calcio corrotto

Platini favorito per la Fifa, ma è l'erede smemorato di Blatter

Platini favorito per la Fifa, ma è l'erede smemorato di Blatter

"Quando Sepp Blatter ha pagato una tangente di 5 milioni di euro alla Federcalcio irlandese per evitare strascichi legali (la Francia si era assicurata la qualificazione ai Mondiali grazie a un clamoroso fallo di mano di Thierry Henry), dov’era Michel Platini?" Se lo chiede, sul Corriere della Sera, Aldo Grasso, in un articolo dedicato all'ex giocatore di Francia e Juve, oggi tra i favoriti per la successione a Blatter alla testa della Fifa. Possibile che "le roy" fosse all’oscuro di tutto? "Platini è stato un calciatore immenso, ma come dirigente sportivo sembra il figlioccio di Blatter. Dov’era quando Maradona gridava ai quattro venti che la Fifa è un covo del malaffare? Era nell’esecutivo della Fifa, vicepresidente. Che non sospettasse nulla?" si chiede Grasso. Recentemente Le Monde , rievocando discussi trascorsi dirigenziali di Platini, ha scritto: "Platini si è formato al fianco di Blatter, quell’animale politico che si credeva fosse invincibile... In quanto a pragmatismo politico, non ha molto da invidiare al suo vecchio mentore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigi primo

    08 Giugno 2015 - 10:10

    Ma scherziamo?! Se ce n'è uno intrufolato è lui! È di scuola yuventina! Ricordate la cordata, gli arbitri e gli scudetti? E non è finita!

    Report

    Rispondi

blog