Cerca

Europei di Rostock

Tuffi, oro per Cagnotto-Dallapè dalla piattaforma: è il settimo successo consecutivo

Tuffi, oro per Cagnotto-Dallapè dalla piattaforma: è il settimo successo consecutivo

Ancora una gioia per l’Italia dagli Europei di tuffi in corso alla Neptun di Rostock. A mettersi al collo la medaglia d’oro nei tre metri sincro è la premiata ditta Tania Cagnotto-Francesca Dallapè che hanno conquistato l’oro nella gara di tuffi sincro dal trampolino agli Europei di Rostock. Per la coppia azzurra è il settimo titolo continentale consecutivo. Cagnotto e Dallapè hanno trionfato con il punteggio di 313.08. Secondo posto per le tedesche Tina Punzel e Nora Subschinski (302.70), terze le russe Bazhina e Ilinykh (298.50). Francesca Dallapè è scoppiata a piangere dopo l’oro conquistato con la compagna di sempre in piattaforma.

Ragazze da record - A Torino nel 2009 la prima gioia europea per Tania Cagnotto e Francesca Dallapè con 317.40 punti nella piattaforma di tuffi da tre metri sincro. L’anno dopo a Budapest il bis 327.80. A Torino, nel 2011, arriva un altro oro con 320.40 punti. Le altre gioie regalate dalla coppia azzurra agli Europei di Eindhoven 2012 (325.50), Rostock 2013 (324.40) e Berlino 2014 (328.50).

Testa e cuore - Un successo costruito già al mattino, quando avevano chiuso i preliminari al primo posto con 291.20, e che allunga la striscia di grandi risultati ottenuti da quando, nel 2009, saltano insieme: oltre ai già citati 7 ori continentali, anche due argenti mondiali (Roma 2009 e Barcellona 2013), ai quali si aggiunge il quarto posto olimpico di Londra 2012. I due obbligatori portano i punti giusti (103.80) al duo azzurro, con Germania e Russia in pressing. Nel tuffo di mezzo, il doppio e mezzo avanti con un avvitamento, Cagnotto e Dallapè ricevono 66.60 e rimangono a cinque punti da Bazhina e Ilinykh che nel doppio e mezzo indietro carpiato ottengono 72. La differenza sta nella testa e nel cuore: l’una fredda e l’altro caldo. Le due russe sono imperfette nel doppio e mezzo avanti con un avvitamento (63) mentre il duo azzurro è sicuro nel triplo e mezzo avanti (70.68) che lo proietta a 241.08 e davanti di tre punti. Chiusura tra gli applausi, meritatissimi, per le azzurre regine d’Europa. Ultimo salto da 72 punti (ma c’è anche chi ha dato un 6.5) e settima vittoria consecutiva.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog