Cerca

Un dispiacere per Barbara?

Milan, la frenata sulla costruzione del nuovo stadio di proprietà

Milan, la frenata sulla costruzione del nuovo stadio di proprietà

Dopo quasi quattro ore di summit ad Arcore tra Mr Bee e Silvio Berlusconi (alla presenza della figlia Barbara e dei vertici Fininvest) le parti sono arrivate ad un accordo: si tratta della firma di un intesta vincolante di vendita, il preludio alla cessione del 48 per cento delle quote da parte del Cavaliere. E dopo l'estate verrà posta la firma finale. Ma mentre decolla l'accordo con Mr Bee, i vertici Fininvest frenano sul progetto del nuovo stadio tanto voluto da Barbara Berlusconi. L'impianto - qualora ci fosse il sì del Comune di Milano - dovrebbe sorgere in zona Pioltello. Ma per Fininvest sarebbe forse più opportuno investire, riporta La Stampa, in progetti di espansione commerciale in Asia o per la quotazione in Borsa a Hong Kong entro un anno (motivo per il quale all'incontro erano presenti anche un rappresentante della banca d'affari Edmond De Rothschild e l'advisor della China Citic bank). Insomma, non c'è mister Bee che tenga: fino a quando il controllo della società resterà al Cav (e, dunque, a Fininvest) la costruzione del nuovo stadio potrebbe essere faccenda più complessa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcob_

    31 Luglio 2015 - 08:08

    Sinceramente per quel niente che il Milan ha dato all'Italia in termini economici e a Carnago dove il Milanello ha la sede sportiva anche se traslocano in Asia non cambia niente o forse si'.

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    30 Luglio 2015 - 19:07

    Sembra che il progetto sia in mano all' ing. del ponte sullo stretto ....

    Report

    Rispondi

    • filgio49

      03 Agosto 2015 - 18:06

      cosi come renzi ha mantenuto le promesse fatte, preparatevi alla diminuzione delle tasse

      Report

      Rispondi

  • Italotrend

    30 Luglio 2015 - 19:07

    La 'favoletta' asiatica. Piccoli uomini con gli occhi a mandorla e le tasche piene di soldi? Niente di tutto ciò, solo speculazioni e poche risorse reali. Per non parlare del rischio, serissimo, di dover vedere presto Milan e Inter traslocare in Asia almeno 3 o 4 mesi l'anno. Ben presto avremo la serie a a 12 squadre e campionato finito a marzo. Beati i romani che c'hanno gli americani...

    Report

    Rispondi

  • JamesCook

    30 Luglio 2015 - 19:07

    Ma il bonfico è arrivato o no!? qualche cosa non và in questa operazione mah!

    Report

    Rispondi

blog