Cerca

Un dispiacere per Barbara?

Milan, la frenata sulla costruzione del nuovo stadio di proprietà

6
Milan, la frenata sulla costruzione del nuovo stadio di proprietà

Dopo quasi quattro ore di summit ad Arcore tra Mr Bee e Silvio Berlusconi (alla presenza della figlia Barbara e dei vertici Fininvest) le parti sono arrivate ad un accordo: si tratta della firma di un intesta vincolante di vendita, il preludio alla cessione del 48 per cento delle quote da parte del Cavaliere. E dopo l'estate verrà posta la firma finale. Ma mentre decolla l'accordo con Mr Bee, i vertici Fininvest frenano sul progetto del nuovo stadio tanto voluto da Barbara Berlusconi. L'impianto - qualora ci fosse il sì del Comune di Milano - dovrebbe sorgere in zona Pioltello. Ma per Fininvest sarebbe forse più opportuno investire, riporta La Stampa, in progetti di espansione commerciale in Asia o per la quotazione in Borsa a Hong Kong entro un anno (motivo per il quale all'incontro erano presenti anche un rappresentante della banca d'affari Edmond De Rothschild e l'advisor della China Citic bank). Insomma, non c'è mister Bee che tenga: fino a quando il controllo della società resterà al Cav (e, dunque, a Fininvest) la costruzione del nuovo stadio potrebbe essere faccenda più complessa.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcob_

    31 Luglio 2015 - 08:08

    Sinceramente per quel niente che il Milan ha dato all'Italia in termini economici e a Carnago dove il Milanello ha la sede sportiva anche se traslocano in Asia non cambia niente o forse si'.

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    30 Luglio 2015 - 19:07

    Sembra che il progetto sia in mano all' ing. del ponte sullo stretto ....

    Report

    Rispondi

    • filgio49

      03 Agosto 2015 - 18:06

      cosi come renzi ha mantenuto le promesse fatte, preparatevi alla diminuzione delle tasse

      Report

      Rispondi

  • Italotrend

    30 Luglio 2015 - 19:07

    La 'favoletta' asiatica. Piccoli uomini con gli occhi a mandorla e le tasche piene di soldi? Niente di tutto ciò, solo speculazioni e poche risorse reali. Per non parlare del rischio, serissimo, di dover vedere presto Milan e Inter traslocare in Asia almeno 3 o 4 mesi l'anno. Ben presto avremo la serie a a 12 squadre e campionato finito a marzo. Beati i romani che c'hanno gli americani...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media