Cerca

Confessioni di patron

Inter, Massimo Moratti: "Amo la Champions e lo scudetto a tavolino del 2006. Meglio Recoba di Ronaldo"

Inter, Massimo Moratti: "Amo la Champions e lo scudetto a tavolino del 2006. Meglio Recoba di Ronaldo"

I più grandi rimpianti di Massimo Moratti da presidente dell'Inter? "Totti e Cantona". E la vittoria più bella? "Sono legato alla vittoria in Champions ma non disdegno lo scudetto a tavolino del 2006". Intervistato dal direttore di Premium Sport Alberto Brandi (in onda giovedì alle 21.30 su Premium Sport Hd con repliche domenica 30 agosto alle ore 16.30, lunedì 31 agosto alle ore 14.30 e mercoledì 2 settembre alle ore 23.00, sempre su Premium Sport HD), l'ex patron nerazzurro non rinuncia a un pizzico di veleno nei confronti della Juventus, eterna nemica dai tempi di Calciopoli: "Lo scudetto a tavolino l'ho trovata una cosa giusta. Preferisco i 5 scudetti alla Champions e Mourinho ad Herrera. Milan o Juve? Stima per entrambe ma non posso scegliere".

Recoba meglio di Ronaldo - Moratti ricorda poi quando ha deciso di comprare il club che fu di suo padre Angelo negli anni Sessanta. Era il 1995: "Non ho avuto il coraggio di dirlo a mia moglie ma quando mi vide che mi intervistavano alla televisione, si interessò anche lei alla vicenda". Uno dei primi colpi di mercato fu Ronaldo: "È stato l'essenza del calcio perché ci ha fatto provare tante emozioni ma io insisto su Recoba, in ogni momento poteva farti la cosa più bella che avevi mai visto. Non dimentico Ibrahimovic, che ci ha fatto vincere tanto e Mancini: Mantovani si mise quasi a piangere pur non di farlo partire".

Da Totti a Cantona - Due sono stati i campioni mai arrivati in nerazzurro: "Cantona è stato vicino all'Inter ma ci fu un disguido e non arrivò. E poi Totti, ci fu la possibilità di trattarlo perché era in scadenza ma la Roma non l'avrebbe mai lasciato andare via". Ci sarà spazio per un Moratti bis? "Nella vita non si sa mai, neanche io pensavo di succedere a mio padre. Non so neanche se augurarlo ai miei figli, bello fare il presidente ma è un'esperienza complessa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigignu

    27 Agosto 2015 - 00:12

    Angelo Moratti sarà ricordato come il presidente più spendaccione del calcio, come presidente di una società prescritta, come presidente che le sono stati regalati 2 scudetti e vincendo per colpa di calciopoli. Inoltre secondo l'organo giudicante, a l'Inter sarebbe toccata la stessa sorte delle squadre condannate. Per ultimo un presidente che sostiene che Recoba é più forte di Ronaldo, questo dimostra come ha guidato l'Inter.

    Report

    Rispondi

    • Anna 17

      Anna 17

      27 Agosto 2015 - 13:01

      L'ignoranza fa scrivere sciocchezze. Angelo Moratti è stato uno dei più grandi presidenti ed industriali italiani. Prima di discuterlo sarebbe opportuno che molti usassero un buon collutorio. Il giudizio su suo figlio Massimo, a prescindere da errori commessi, non ha mai rubato nulla. Prisco sosteneva di lavarsi la mano che dava ai milanisti, ma di contarsi le dita se la dava ad uno juventino.

      Report

      Rispondi

    • itz10pf

      27 Agosto 2015 - 11:11

      Angelo Moratti ??? Ma che cazzo scrivi ?

      Report

      Rispondi

    • itz10pf

      27 Agosto 2015 - 11:11

      Angelo Moratti ??? Coglione non sai nemmeno cosa scrivi.

      Report

      Rispondi

    • molagiro99

      27 Agosto 2015 - 11:11

      ...il tuo commento chiarisce la tua fede calcistica... Rubentino..!!

      Report

      Rispondi

blog