Cerca

L'infinita telenovela

Milan, Mr Bee rinuncia al derby: attriti con Silvio Berlusconi, rischia di saltare la cessione del 48% del club

Silvio Berlusconi e Mr Bee

Tra Silvio Berlusconi e Mister Bee la tensione sarebbe alle stelle. Un indizio, pesatissimo: il thailandese rinuncerà al suo primo derby. Non sarà a Milano domenica 13 settembre per assistere alla stracittadina. Una decisione che mette in dubbio il definitivo passaggio del 48% delle società alla cordata asiatica. Il giallo, insomma, continua. Come riporta Repubblica, parecchie voci indicano che il rapporto tra il broker e il Cav, dopo mesi di feeling (e frizioni), sarebbe già logoro. Come detto, il programma prevedeva che Bee fosse al fianco di Berlusconi, in tribuna, per la partita contro l'Inter: un momento simbolico con cui sancire - definitivamente - l'ingresso degli asiatici nel club rossonero e nel calcio italiano. Ma la presentazione di Bee slitta, così come slitta (ancora) la firma per la cessione dell'ormai celeberrimo e chiacchieratissimo 48 per cento. Il dubbio, dunque, è che possa saltare l'intera operazione.

Milan, salterà l'affare con Mr Bee?
Vota il sondaggio di Liberoquotidiano.it

Le ragioni - A far scricchiolare la vendita del 48% del Milan ci si è messo il crollo della Borsa cinese. Il progetto, infatti, prevedeva una forte espansione del club sul mercato asiatico, nonché la successiva quotazione, probabilmente ad Hong Kong. La bolla cinese, però, rende ora impossibile la seconda fase dell'operazione. Ma non è tutto. Bee e il Cav si sarebbero "scornati" anche sulla campagna acquisti: dopo un avvio scoppiettante (Bacca, Luiz Adriano, Bertolacci e Romagnoli), la conclusione della finestra di calciomercato è stata tiepida, soprattutto con il discusso ritorno di Mario Balotelli. Scelte operate da Berlusconi e Adriano Galliani, scelte che Taechaubol non avrebbe affatto gradito. Per altro, Mr Bee già non aveva digerito il fatto che il suo consulente di mercato, Nelio Lucas, fosse stato sostanzialmente tagliato fuori.

Le prospettive - Ultimo fattore d'attrito, lo stadio. Il dietro-front sull'operazione caldeggiata da Barbara Berlusconi, infatti, ha creato ulteriore confusione. Tempi (già) duri, dunque, per il Milan. Le prime indicazioni dal campo sono state tutt'altro che positive, il rapporto del mister, Sinisa Mihajlovic, con lo spogliatoio sarebbe difficile, e anzi secondo alcuni già compromesso. Infine, adesso, ci si mettono pure i dubbi sull'ingresso della cordata asiatica, fondamentale in termini di liquidità per riportare il club ai vertici in Italia e, possibilmente, in Europa. Tutto si deciderà a fine mese, dunque: per Mr Bee niente derby, ma secondo altre indiscrezioni il suo ritorno in Italia sarebbe programmato per l'ultimo week-end di settembre, un fine settimana in cui, forse, si capirà qualcosa in più del Milan che sarà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vfangelo75

    26 Settembre 2015 - 17:05

    È sempre stato detto: attenzione alla razza gialla !!!

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    07 Settembre 2015 - 12:12

    tutto previsto, avevo pronosticato,riporta un po' di soldi in italia,una finta litigata con mrs.bee e tutto torna come prima.

    Report

    Rispondi

  • vmannel

    07 Settembre 2015 - 08:08

    ..come socio subentrerà Renzi..di maggioranza

    Report

    Rispondi

  • heinreich

    07 Settembre 2015 - 08:08

    prima berlusconi lascerà il milan meglio sarà

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog