Cerca

Ombre sul circus

Formula 1, Niki Lauda sibillino: "A Singapore cose pazzesche. Mondiale riaperto? In teoria no, ma basta una gara..."

Formula Uno, Niki Lauda ipotizza il complotto:

"La cosa che mi dà più fastidio? Lasciare Singapore senza aver capito cosa realmente ci ha rallentati. Proprio nel momento in cui ho visto la Ferrari più forte degli ultimi anni". Così Niki Lauda in un'intervista a La Gazzetta dello Sport. Il presidente onorario della Mercedes, insomma, getta altre ombre sul Gp di Singapore che ha lasciato con l'amaro in bocca alla scuderia tedesca (primo ko tecnico stagionale per Lewis Hamilton e quarto posto per Nico Rosberg, oltre al trionfo di Sebastian Vettel).

Le Pirelli al minimo - I maliziosi hanno interpretato le parole di Lauda come un riferimento alle insinuazioni di Tito Wolff, che aveva parlato del sospetto che Pirelli avesse fornito gomme diverse alla Mercedes. Un'ipotesi che, forse, inquieta Lauda, che ha aggiunto: "Sin dalle prove di venerdì avevamo capito che qualcosa non girava come doveva. La macchina non stava in strada, non scivolava, Hamilton e Rosberg non sapevano che pesci pigliare con la messa a punto. Né loro né i tecnici ne sono venuti a capo". Problemi tecnici che sono emersi difatti già nelle qualifiche, quando le Mercedes hanno rimediato un distacco di quasi due secondi rispetto agli altri piloti. Per Lauda si tratta di "una cosa pazzesca". 

Il problema - Secondo l'austriaco, la colpa dell'ultima prestazione deludente non è neppure colpa del motore nuovo, che avrebbe risentito delle 23 curve di Singapore. I due secondi, questa la teoria, non si possono prendere solo per regolazioni sbagliate, per una scelta sulle sospensione, sull'aerodinamica. Soprattutto i due secondi non si possono prendere se la macchina è quella che domina il Mondiale.Per Lauda è necessario indagare più approfonditamente: "Bisogna che nei pochi giorni che ci separano da Suzuka si trovi il bandolo della matassa. Voglio pensare che la sconfitta di domenica ci abbia dato la sveglia", ha aggiunto l'ex pilota. Domenica prossima la Mercedes dovrà quindi difendere ad ogni costo i 49 punti di vantaggio dal Cavallino di Vettel. Il rischio (o meglio, per noi la speranza), è che il Mondiale possa clamorosamente riaprirsi. Lo stesso Lauda, sul punto, spiega: "Mondiale riaperto? In teoria no, ma basta una gara sbagliata e la Ferrari è lì pronta ad aggredirci. Mi dà fastidio non capire cosa ci abbia rallentato a Singapore".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oneiros

    24 Settembre 2015 - 12:12

    Dopo la VW che tarocca i test sull'inquinamento, una Ferrari che tarocca la Formula1 sarebbe la fine del mondo. Non voglio nemmeno pensarci.

    Report

    Rispondi

  • leponzio

    24 Settembre 2015 - 11:11

    ferrari a benzina, mercedes a gasolio

    Report

    Rispondi

  • danianto1951

    24 Settembre 2015 - 11:11

    la Pirelli si è ripetuta in maniera goffa e sfacciata, tutto il mondo ha visto come ha dato gomme fasulle alla Mercedes. D'altronde niente di nuovo sotto il sole lo ha già fatto negli anni passati favorendo la rossa

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    24 Settembre 2015 - 08:08

    Che sia la pressione delle gomme. .quando hanno provato le gomme di nascosto gli è stato perdonato tutto perché Bern aveva paura che anche la Mercedes lasciasse la F1. DA ALLORA DOMINA. . guarda caso li beccano con la pressione delle gomme fuori regola e glielo perdonano. . Ma ora non vanno. Sospettoso. .potrebbe essere solo una gara sbagliata. Molto probabile Io spero che invece è proprio la Ferrari che vavavooom

    Report

    Rispondi

    • danianto1951

      24 Settembre 2015 - 11:11

      anche gli idioti si sono accorti che la Pirelli ha taroccato la gara

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog