Cerca

Una scoperta inquietante

Loris Reggiani umilia Marc Marquez: "Mi fai schifo, ecco la prove che dimostra che corri solo per far perdere Valentino Rossi"

Loris Reggiani

Marc Marquez umiliato. Anzi, "mi fai schifo". Queste le parole, pesantissime, di Loris Reggiani, ex pilota e decano del motociclismo italiano. Reggiani, in un lungo intervento che vi riproponiamo integralmente qui sotto, ricostruisce l'intera vicenda che ha visto contrapposti Marc Marquez e Valentino Rossi. Spiega che lo spagnolo gli era simpatico, davvero simpatico, lo considerava l'erede del Dottore. Ma dopo la gara in Malesia è cambiato tutto. Spiega anche che quando Rossi, per la prima volta, aveva parlato della polpetta spagnola - "Marquez vuole far vincere il titolo a Lorenzo" - aveva pensato che il Dottore fosse impazzito, che non riuscisse a reggere la tensione. Poi, però, dopo la gara di Sepang, quando a tutti (figurarsi a un pilota come lui) era chiaro che Marquez gareggiava solo e soltanto contro Rossi, un dubbio gli è venuto. Vuoi vedere che il Dottore aveva ragione? E per scoprirlo, quale miglior metodo di un approccio scientifico? Semplice, nessuno. Così Reggiani - e vi rimandiamo alla lettura del lungo post che riportiamo integramente - ha scaricato i tempi e gli intertempi di tutti i giri della prima gara incriminata, quella in Australia, a Philip Island, quella in cui Marquez dopo aver fatto da tappo a Rossi ha battuto Lorenzo all'ultimo giro, in cui ha recuperato un distacco quantomeno sospetto. La scoperta di Reggiani è inquietante: in breve, quando era davanti a Rossi, i suoi tempi salivano in media di un secondo. Appena il Vale lo sorpassava, come per incanto, accelerava. Ma la scoperta ancor più inquietante riguarda ciò che è accaduto all'ultimo giro con Lorenzo. Leggere (e guardare le cifre) per credere.

Di seguito l'intervento di Lorsi Reggiani


Mentre guardavo il GP di Australia pensavo: oggi per la prima volta in tanti anni, Valentino non è lucido in gara, continua a sorpassare Marquez e fargli perdere tempo, mentre sarebbe meglio stargli dietro e seguirlo per andare a recuperare, perché Marc è l’unico che possa farlo. Poi ho sentito Rossi che in conferenza stampa del giovedì di Malesia dice quelle cose su un ipotetico aiuto di Marquez a Lorenzo, e ho pensato subito che avesse completamente perso la testa. Però ho anche pensato: se fosse come penso io, Valentino sarebbe TROPPO pazzo, e allora ho cominciato a rivivere la gara di Phillip Island nella memoria con più malizia e ho iniziato ad avere dei dubbi, su Marquez.

Ho deciso di provare a togliermi i dubbi, sono andato sul sito della motoGP: e ho stampato tutti i tempi di tutti i giri di tutti i piloti, compresi gli intertempi di ogni giro (Risultati & Statistiche > 16.Pramac Australian – Phillip Island > MotoGP > RACE > Analysis) e col foglio stampato in mano ho riguardato la registrazione della gara. E’ facile, potete farlo tutti. Non potevo credere a quello che vedevo, per essere sicuro l’ho guardata 2 volte. Marquez rallentava fino anche a più di 1 secondo al giro quando era davanti a Rossi e accelerava per sorpassarlo subito quando era dietro. Ha fatto di tutto per difendere Lorenzo da Rossi e da Iannone, poi li ha frenati un paio di volte fino a fargli perdere più di 1 secondo al penultimo giro e ha poi accelerato all’ultimo di 1 secondo, fino a raggiungere e superare, molto facilmente, Lorenzo. C’è altro, Lorenzo negli ultimi 20 giri ha SEMPRE girato super costante tra 1’29,8 e 1’29,9, tranne, guardacaso, l’ultimo giro, nel quale ha rallentato di quasi mezzo secondo e Marquez l’ha passato come fosse un doppiato, senza opporre nessuna resistenza. Chiunque abbia corso in moto sa benissimo che queste cose non succedono, certe differenze da un giro all’altro non sono per niente normali.

Poi abbiamo assistito allo squallido teatrino di Marquez in Malesia, dopo che 2 giorni prima aveva dichiarato che era sorpreso dalle parole di Valentino e che non si sarebbe MAI messo in mezzo a una faccenda tra altri due piloti. Che falso, nemmeno il coraggio di dire quello che pensa veramente. Avevo una enorme stima e simpatia per Marquez fino a ieri, da oggi lo considero un poveretto, un bambino delle scuole elementari che fa i dispetti al compagno che gli sta antipatico. Solo che qua si gioca con la vita. Avevo criticato Valentino ad Assen, la sua manovra per vincere quella gara non mi era piaciuta, da pilota sapevo che era stata un po’… sporca. Non avevo condiviso neanche le dichiarazioni di Valentino in quell’occasione, quando in qualche modo, secondo me, aveva un po’ deriso il rivale. Mentre in Argentina no, lì credo che nessuno aveva cercato il contatto ed era stato solo un fortuito incrocio di traiettorie sfortunato per Marc. Il mio pensiero è che il catalano si sia molto arrabbiato per quei 2 episodi e che, una volta matematicamente fuori alla lotta per il titolo, abbia deciso che avrebbe fatto di tutto per far perdere il mondiale a Rossi. In queste due gare l’ha ampiamente dimostrato, e ha messo in scena due delle pagine più antisportive che abbia mai visto da quando seguo questo sport. Una condotta di gara come la sua la accetto già poco se ci si sta giocando il PROPRIO mondiale, ma per quello di un altro proprio no, mi fa schifo!

E la cosa ancora peggiore, è che Marquez queste cose non le fa per far vincere qualcuno, ma per far perdere qualcunaltro."

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • markriese

    19 Settembre 2016 - 00:12

    Guido Meda ha riferito che c'è stato un colloquio a porte chiuse, con Lorenzo, Rossi e Marquez, durante il quale se ne sono dette di tutti i colori, fuori dai denti. Ad un certo punto, Rossi avrebbe chiesto a Marquez: "ma perchè tu corri sempre e solo contro di me?", e lui avrebbe risposto: "ma io faccio mquello che mi pare...". Questo la dice lunga sul personaggio: ha coerenza con il proprio fare

    Report

    Rispondi

  • cla1508

    10 Novembre 2015 - 06:06

    Ormai il mondiale è comunque falsato. I punti assegnati nelle ultime due gare grazie a Marquez non sono reali. Quindi a Valencia se pure fosse annullata la penalità non è detto che vale non sarebbe arrivato con un bottino di punti maggiore per giocarsela con più possibilità, visto che a Philip Island e a Sepang vale era davvero competitivo e poteva tranquillamente arrivare davanti a Lorenzo

    Report

    Rispondi

  • valex1963

    09 Novembre 2015 - 15:03

    La commissione gara doveva sqalificare il team honda..e piloti...colpevole di truffa

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    08 Novembre 2015 - 19:07

    Io mi rivolgo al concttadino Franco Uncini per chiedergli, visto che fa parte della commissione, come giudica la corsa odierna di Marquez, che non ha provato mai, ripeto mai, di superare Lorenzo, quando il suo compagno Pedrosa negli ultimi giri ha recuperato lo svantaggio abissale che aveva nei confronti dei primi due. E queste cose in motoGp sono possibili solo e de si hanno cavalli da scaricare e ciclistica che permetta di farlo. Allora Marquez con la stessa Honda non può non aver fatto vergognosamente la vacca.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog