Cerca

La parola al ducatista

Andrea Iannone: "Non farò il giustiziere per Valentino Rossi, ma il Dottore non ha giocato sporco"

Valentino Rossi e Andrea Iannone

«Andrea spiana Lorenzo, siamo tutti con te», scrive il popolo dei social. E fu così che il ducatista Andrea Iannone si trovò in mezzo alla bagarre per il titolo mondiale, quasi strattonato per la giacchetta.

Iannone, ormai l’hanno investita del ruolo di giustiziere...
«No, queste non sono cose che hanno a che fare col motociclismo. Capisco la reazione della gente ma in gara ognuno corre per sé, sono un professionista e penso sempre a fare la mia corsa così come farò a Valencia: sto lottando per un importantissimo 4° posto in classifica generale, che avrebbe potuto essere il 3° senza i guai tecnici in Giappone e il sasso nel radiatore che mi ha appiedato in Malesia. Corriamo sempre per vincere».

Forse non è quello che ha fatto Marquez a Sepang.
«Non sta me dirlo, non ero sulla Honda, non so quanto fosse al limite o meno. Certo, Marc nel warm up era andato molto forte ma le cose possono cambiare...».

Adesso si è creato un clima non bellissimo anche per voi non coinvolti direttamente nella lotta iridata.
«Si percepiva che l’aria fosse un po’ tirata. Mi spiace per come è andata e per il finale di campionato, uno dei più belli degli ultimi anni. Non ci si aspettava tutta questa polemica ma non chietedemi un parere: tocca alla Direzione Gara».

Ieri però sul suo profilo Facebook ha postato la foto sul podio del Mugello in compagnia di Rossi: è un incoraggiamento al Dottore?
«Non è un segreto quanto rispetto umano e professionale abbia per Vale, credo non sia un periodo facile per lui e mi è piaciuto ricordare un momento per me di estrema gioia condiviso pure con lui».

Diciamolo agli spagnoli: Iannone si trasformerà in alleato di Rossi per il titolo o, peggio, in disturbatore di Lorenzo?
«No, vincerà il più forte, il più veloce. Vale ha 36 anni, è stato sul podio 15 volte su 17 ed ha una chance super per il 10° mondiale. Da italiano spero che riesca a vincere, sono sempre stato un suo grande fan anche se oggi siamo rivali in pista».

E il presunto calcio a Marquez?
«Ognuno di noi avrà sempre il suo giudizio, ma conoscendo Vale e tutti i duelli che ha fatto, da parte mia non l’ho mai visto battagliare in maniera sporca».

intervista di Tommaso Lorenzini
@Texbomb

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • IBFTC$MANI

    28 Ottobre 2015 - 19:07

    Abbassarsi alla Marquez ... no di sicuro ! quello a Valencia si becca la bandiera nera .... ma basterebbe mettere dietro Lorenzo .... FORZA Iannone !!!!

    Report

    Rispondi

blog