Cerca

La ridicolaggine

Repsol minaccia l'addio alla MotoGp: "Il comportamento di Valentino Rossi inaccettabile, forse non ha senso restare"

Repsol minaccia l'addio alla MotoGp:

Dopo i piloti, dopo i giornalisti, dopo i politici (ha detto la sua pure Mariano Rajoy), dopo i vertici della MotoGp, ora prendono posizione anche gli sponsor. Anzi, lo sponsor: Repsol, che "marchia" la livrea della Honda di Marc Marquez. Sponsor spagnolo, e ovviamento appiattito su posizioni spagnole, tanto da ventilare l'addio alla MotoGp con un infuocato (e ridicolo, ce lo si conceda) comunicato stampa: "A Sepang, Valentino Rossi ha tenuto un comportamento inaccettabile e antisportivo contro Marquez, mettendolo in pericolo: senza valori come amicizia, agonismo e impegno dei piloti - si legge -, non avrebbe senso partecipare allo sport come sponsor".

Volevano di più - Il colosso petrolifero, insomma, si schiera senza indugi al fianco del suo pilota di punta. E se questo era scontato, ciò che non era scontato - e anzi, è decisamente scorretto - è il fatto che Repsol, tra le righe, lasci intendere che la punizione inflitta al Dottore - ultimo posto in griglia a Valencia - non sia stata sufficiente: "Al settimo giro della gara - si legge ancora nel comunicato - l'italiano ha calciato in modo antisportivo il pilota Repsol Honda facendolo cadere a terra". E ancora. "Anche se Marquez è fortunatamente uscito illeso dall'attacco, per Repsol il comportamento di Rossi è assolutamente inaccettabile perché ha messo in pericolo, in modo premeditato e antisportivo, la sicurezza del pilota del team Repsol Honda. La Repsol considera questo atteggiamento un atto antisportivo e incompatibile con i valori dello sport e della competizione". Roba da matti, insomma: quello "antisportivo" sarebbe il Dottore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Sprintspot

    30 Ottobre 2015 - 02:02

    Repsol si è svegliata adesso? Quando nel 1996 ad Eastern Creek Doohan prese a calci e senza dubbi Criville dove guardava Repsol che tanto tiene alla sportività? Tra l'altro quell episodio non fu nemmeno punito dalla direzione gara e i due erano avversari per il titolo.

    Report

    Rispondi

  • veneziano49

    29 Ottobre 2015 - 20:08

    ...chissà quale è il ruolo della Repsol in questa vicenda...se ne va perchè ha paura di essere trascinata dentro visto che ormai a difendere Marquez ci sta solo Lorenzo....

    Report

    Rispondi

  • brunom

    29 Ottobre 2015 - 16:04

    Hanno sponsorizzato una squadra di disonesti e di incapaci e non possono tirarsi indietro.

    Report

    Rispondi

  • bilauri

    28 Ottobre 2015 - 20:08

    Mi sembra chiaro che alla Respol interessi il suo investimento e se ne freghi altamente del motociclismo. Se fosse stato Valentino con la loro livrea le accuse si sarebbero invertite. In conclusione che vadano al diavolo con il loro petrolio, il mondiale di motociclismo non è un distributore di benzina

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog